– Web e tv la situazione nell’isola

Data di pubblicazione: 2/14/2009

Internet

Immagine Ridimensionata
Consueto articolo annuale dedicato ad un riepilogo sulla situazione nel web delle emittenti radio e tv isolane.

Con la crescente diffusione di connessione ad alta velocità, ed il maggiore interesse di tutte le persone verso il mondo di internet è ormai indispensabile avere per le emittenti una vetrina sulla rete.

Le possibilità offerte da questo mezzo sono enormi, ad esempio:

  • streaming audio e video o scaricamento dei programmi
  • possibilità di essere contattati via mail o con un forum dagli ascoltatori
  • valorizzazione e riepilogo dei programmi trasmessi con la realizzazione di apposite pagine dedicate alla specifica programmazione.

Sull’ultimo punto va sottolineato come in alcuni casi, ci siano dei siti esterni realizzati ad hoc per valorizzare determinati programmi.

Nella precedente analisi, ci siamo lasciati con una situazione piuttosto deludente per quanto riguarda la televisione isolana, mentre per le radio si notava una certa cura  nella realizzazione dello spazio web.
Non prenderemmo in esame emittenti radio o tv disponibili solo via web, poiché come facilmente intuibile in questo caso i siti internet sono realizzati nei minimi dettagli e quindi il paragone sarebbe quanto meno fuori luogo.

Nella valutazione dello spazio sulla rete si è tenuto conto di questi fattori:

  • tempi di caricamento del sito
  • accessibilità del sito
  • aspetto grafico e ricerca dei contenuti
  • eventuale presenza di forum, Guestbook e altri moduli
  • indicizzazione del sito, aspetti tecnici del codice e comportamento con diversi browser.

Partiamo con una novità, in quanto finalmente è disponibile il sito di Sardegna 1.
Lo spazio si presenta con una grafica leggera e la navigazione è particolarmente intuitiva.
Il palinsesto è aggiornato e comprende anche i canali news, produzioni e Sardigna, ma le frequenze disponibili si riferiscono solo al trasponder satellitare sui 13°E.

Il box con l’elenco dei canali può trarre in inganno perché i link riportano a delle pagine vuote
.
Da segnalare infine che nella voce Diretta TV è possibile vedere in streaming l’emittente.
Il servizio si appoggia a Mogulus, scelta probabilmente criticabile visto che un proprio server sarebbe qualcosa di certamente più professionale.
Dal punto di vista esclusivamente tecnico il sito è realizzato in PHP e fa largo uso di tabelle.
In conclusione questa è la novità più piacevole della nostra rassegna.

Leggi Anche  Cambio frequenza per il mux DFREE - News regione - notizie

Delusione invece per Nova Televisione; l’emittente di Oristano disponeva l’anno scorso di uno spazio in rete di tutto rispetto, con la possibilità di vedere diversi programmi.
Gli aggiornamenti e tutto il progetto è stato interrotto bruscamente ed attualmente viene comunicato che il sito è in aggiornamento.

Non se la passa meglio Videolina, il cui sito è ancora in stato di abbandono.
Questo è dovuto al fatto che l’interesse del gruppo si è concentrato nel sito del quotidiano dove infatti è possibile attraverso un box ‘mosaico’  vedere in streaming tutti i canali del mux digitale.
Tuttavia nel momento in cui scrivo il servizio presenta dei problemi con alcuni browser tra cui Firefox.
Da segnalare inoltre la totale assenza sul web da parte di TCS, ed il dominio www.tcs.tv non risulta più attivo.

La situazione per le altre emittenti isolane è piuttosto imbarazzante.
La sassarese antenna1 mostra una pagina con il logo ed i riferimenti per i contatti; il sito della sulcitana Canale 40 realizzato con il cms joomla è da tanto tempo in costruzione.
A livello di contenuti è possibile trovare i moduli per i contatti, e un edizione del tg datata 24 febbraio 2008.
Per quanto riguarda Catalan Tv, il dominio www.catalantv.it porta al sito di alghero notizie dove trovano spazio alcune pagine dedicate all’emittente.
Da queste pagine è possibile vedere le registrazioni del notiziario. Il servizio è comunque complessivamente carente ed incompleto.
Da un emittente a vocazione culturale e multilingua è lecito attendersi un’ impronta più importante in internet.

Mentre è attivo il sito della risorta Teleregione (piuttosto semplice, con numerose pagine ancora incomplete, e alcuni video dei promo trasmessi dall’emittente), non vi è traccia di un qualcosa di dedicato a Cinquestelle Sardegna.

Leggi Anche  - Tele - Internet ?!

Risulta attivo il sito dell’oristanese Super Tv.
Si tratta di  una pagina piuttosto semplice realizzata con Frontpage, con alcuni link e con i contatti via mail e la diretta via streaming perfettamente funzionante su codec Window Media Audio.
Oltre a questo è possibile scaricare l’ultima edizione del notiziario.
A questo si aggiunge il blog https://www.villaurbana.net/supertv/  ospitato sul portale di villaurbana.net che purtroppo sembra non sia più aggiornato da novembre 2008.

Spostandoci nuovamente nel nord dell’isola, abbiamo visitato lo spazio web di Telegi con una nuova grafica realizzata probabilmente l’anno scorso ma con pochi contenuti e palinsesti non aggiornati.
Manca inoltre un servizio di streaming.

Anche le locali del gruppo Barbagli non sembrano interessate alla rete, con il dominio www.teletirreno.it  che nel momento in cui scrivo mostra una pagina bianca.

In conclusione per quanto riguarda il rapporto web e tv, le poche emittenti locali, si limitano ad una presenza con il minimo necessario e non vi è continuità negli aggiornamenti dei siti.
Altre sono invece completamente assenti. La possibilità di streaming in diretta è limitata Sardegna 1 (la versione sat), Videolina (con tutti i canali in digitale) e alla comunitaria Super tv.

Nel prossimo articolo cercheremo di fare il punto sulla situazione delle stazioni radio e vedremo inoltre come l’attenzione sia rivolta verso siti come Myspace ed in particolare Facebook.