Si parte oggi con Arbus, Buggerru, Fluminimaggiore

La nostra regione, sarà la prima in Italia (così come avvenuto durante il primo switch-off) ad avviare la seconda fase del processo di refarming, per la liberazione della banda dei 700MHz.
Si parte oggi con grandi incognite, con una comunicazione istituzionale che persevera nell’errore già fatto ad ottobre, quando con il primo passaggio consistente nelle modifiche in mpeg-4 da parte della RAI aveva illuso il consumatore promettendo un incremento di qualità dei segnali e dei contenuti.
Sono emerse invece in questi giorni le numerose difficoltà sorte per le emittenti locali, molte delle quali hanno già dichiarato con grande rammarico di abbandonare il digitale terrestre per via degli alti costi o di una numerazione lcn penalizzante.

Seguiremo gli sviluppi e le novità giorno per giorno.
Oggi saranno interessati i ponti trasmittenti ubicati nei comuni di Arbus, Buggerru, Fluminimaggiore

Ne consegue che:

– Se abitate nel territorio comunale di uno di questi centri, ma ricevete i segnali da ponti fuori da queste località, non dovreste avere particolari problemi.

– Per la maggior parte invece degli interessati sarà indispensabile effettuare una nuova sintonia o ricerca automatica dei canali

Tecnicamente si tratta per le emittenti di spostarsi su nuove frequenze, mentre, contrariamente a quanto pubblicato su alcuni siti d’informazione regionale, ribadiamo che non sarà necessario in questa fase, acquistare televisori compatibili con il nuovo standard DVB-T2 che sarà adottato solo nel 2023.

Per aggiornamenti in tempo reale, seguiteci sul nostro sito e/o sui nostri social attraverso la pagina Facebook oppure nel nostro gruppo privato.

Per il calendario completo clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.