Switch-off posticipato. E’ il caos.

E’ la notizia del giorno, dovuta alla conferma di quello che alcune testate come  Newslinet avevano già anticipato settimane fa: lo switch-off  è stato posticipato.

In breve dal 1 settembre tutte le emittenti sarebbero dovute passare alla trasmissione mpeg4, e per il 30 giugno 2022 era previsto l’arrivo del sistema di trasmissione DVB-T2.
Il problema è che la cessione della banda per i 700MHz entro il 1 luglio 2022 va comunque rispettata per evitare interferenze e perché decisa a livello normativo europeo. Ci ritroviamo invece ora con una serie di date e di passaggi incerti i cui dettagli sono nuovamente da stabilire e la cessione dei 700MHz non viaggerà di pari passo con l’arrivo di nuove tecnologie in grado di permettere a tutte le emittenti di trovare spazio e trasmettere con una qualità accettabile. Ovviamente per emittenti teniamo conto che tra queste ci saranno anche le poche locali sopravvissute, quelle che potranno permettersi di essere ospitate a caro prezzo su un unico mux regionale.

Nel nuovo calendario sarà proprio la Sardegna, la prima ad avviare la procedura dal 15/11/2021 al 18/12/2021 che porterà alla dismissione della banda di 700MHz.  Nelle altre aree la procedura si concluderà a giugno 2022.

Già dalla data di scadenza dei bandi era chiaro che uno switch a settembre risultava impossibile da attuare. Infatti abbiamo al momento ancora in corso l’assegnazione ad operatori di rete dei diritti d’uso residuali in scadenza a settembre, (quindi in questo caso parliamo di frequenze) e quella per i fornitori di servizi di media audiovisivi in ambito locale (ossia emittenti prive di proprie frequenze che dovranno fare richiesta per entrare nei mux degli operatori di rete). Su quest’ultimo punto ricordo chea maggio 2021 nel primo bando per la Sardegna sono risultati in graduatoria come operatori di rete  EiTowers e Prais SRL – Telesardegna con le seguenti frequenze:

rete di I° livello: CH 41 per EI TOWERS SPA su NU-OG-OR-OT-SS E CH 39 CA-CI-VS

rete di II° livello: CH 28 per RTI PRAIS – TELESARDEGNA  su NU-OG

Durante la consultazione da parte del Mise con le varie parti interessate è emersa tuttavia, secondo diverse indiscrezioni l’intenzione da parte dei grandi network di passare volontariamente al nuovo formato mpeg4.

La RAI potrebbe farlo dal 15 ottobre ad esclusione delle tre reti principali e di Rai News che resterebbe in mpeg2. Anche Mediaset per tale data, potrebbe passare al formato HEVC.

Cercheremo in altri articoli di approfondire i risvolti e le conseguenze che tutto questo avrà nella nostra regione per le emittenti e per i consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.