– RAI: l’alta definizione in Sardegna

Data di pubblicazione: 4/4/2008

Televisione

Immagine Ridimensionata
Criticata da molti per il poco interesse verso il digitale e per gli standard ad alta definizione, secondo molti utenti poco proiettata verso gli standard futuri.

Stiamo parlando della RAI e di alcune critiche probabilmente ben lontane dalla realtà, visto che i fatti e la storia parlano di una delle aziende all’avanguardia in Europa nel campo della sperimentazione.
Poi il fatto che queste sperimentazioni siano andate a buon fine o meno è un altro discorso che esula da questo articolo, ma resta il fatto che parliamo di un’azienda che tanto per citare un esempio, già nel 1990 si interessava di tv ad alta definizione con il fallimentare satellite Olympus.

Ed ancora una volta alla RAI il compito di portare per tutti, gratuitamente il calcio in alta definizione.

Accadrà per i Campionati Europei di Calcio, dal 7 al 29 giugno, con partite che saranno trasmesse nel digitale terrestre in 16/9 e in alta definizione in Sardegna e Roma, Milano, Torino, Valle D’Aosta.

Ovviamente per poter vedere le trasmissioni in HD è necessario un ricevitore HD ed un televisore compatibile con questo formato.

Ma va sottolineato che i ricevitori HD attualmente sono quasi introvabili e quella della RAI è quindi da considerarsi comunque come una sperimentazione.
Tuttavia il direttore della RAI Claudio Cappon ha dichiarato che dal 2009 la RAI trasmetterà regolarmente eventi in alta definizione, pertanto è lecito aspettarsi un sempre maggior numero di ricevitori DTT-HD sul mercato.

Dove sarà possibile ricevere questi programmi?

aggiornamento news su comunicato stampa RAI


In particolare, dal 7 al 29 giugno, le partite saranno trasmesse in diretta su Rai Uno (ed in caso di contemporaneita’ su Rai Due), attraverso gli impianti Rai Way:

* in analogico tradizionale in 4:3;
* sul digitale terrestre, multiplex A, in 16:9 e con una elevata qualità di immagine;
* in digitale ad alta definizione, multiplex B,(limitatamente a quelle su Rai Uno) per i telespettatori che possiedono un televisore predisposto per l’HD e che si doteranno di decoder HD, nelle zone di Milano, Roma e Torino e in Sardegna e Valle d’Aosta (le due regioni che hanno già avviato la transizione ad aree All Digital).

Inoltre da ricordare la novità RaiSport+ che prenderà il via il 10 maggio, con la partenza del giro d’Italia, mentre a giugno è previsto il lancio di un nuovo canale dal nome provvisorio di Rai4 dedicato ad i giovani da 16-30 anni.

Per ulteriori informazioni:
https://www.sardegnahertz.it/html/modu … php?topic_id=760&forum=16

Leggi Anche  - Un primo bilancio sul passaggio al DTT in Sardegna