Sei sulla pagina » Home Page » Forum » Re: Radio Press in crisi [Varie Radio]

SardegnaHertz

Annunci

Annunci



Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi


« 1 ... 4 5 6 (7) 8 »




Re: Radio Press in crisi
#61
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
8/7/2006 20:03
Ultimo accesso:
16/11 16:56
Da Gonnesa e Iglesias
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Socio
Messaggi: 1512
Non In Linea
Le mie prime 2 risposte erano fantasiose..sulla terza credo di aver centrato almeno per il 99%..;)

Inviato il :31/5/2013 8:54
www.sardegnahertz.it
Postazioni-serpeddi'-campuspina-san michele
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#62
Webmaster
Webmaster


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
26/11/2005 13:38
Ultimo accesso:
Ieri alle 23:23
Da Musei
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Socio
Webmaster
Editor
Messaggi: 3078
Non In Linea
In data 30 maggio, il tribunale di Cagliari ha dichiarato il fallimento della Deltamedia srl, editrice dell’emittente cagliaritana Radio Press.
L’Associazione della stampa sarda, ha dichiarato: “piena solidarietà ai colleghi coinvolti, denuncia ancora una volta lo stato di crisi dell'emittenza privata in Sardegna. E' un settore che attraversa una congiuntura negativa straordinaria che rischia di avere conseguenze devastanti sull'occupazione, con la conseguente pesante riduzione degli spazi dell'informazione locale. Il fallimento di Radio Press, in particolare, crea un vuoto informativo. L'emittente si era segnalata, infatti, per una proposta di format innovativi e per un impegno non comune. Oltre alle edizioni quotidiane del radiogiornale si ricordano le 'dirette' su eventi straordinari per la città di Cagliari e per la Regione, le trasmissioni in sardo, i programmi a più voci con la Corsica, il programma del mattino 'Buongiorno Cagliari', il cui successo continua in un'altra emittente”.

https://www.sardegnahertz.it/html/modu ... ento-per-Radio-Press.html

potete verificare la procedura su https://www.fallimenticagliari.com/

Inviato il :31/5/2013 21:16
skype: cristian.puddu
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#63
Dottore
Dottore


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
13/12/2005 22:23
Ultimo accesso:
1/2 14:09
Da Sinnai
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Socio
Messaggi: 546
Non In Linea
ma ora la 93.5??? In onda sento piratoni!

Inviato il :1/6/2013 1:32
Radio Fusion dal 2002 La Prima web Radio In Italia!
www.radiofusion.it
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#64
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
29/8/2008 0:02
Ultimo accesso:
2/9 21:23
Da Tutto il mondo è paese!!!
gruppi
bannato
Messaggi: 1315
Non In Linea
Quando ne parlavo io, non ci credeva nessuno e tutti fantasticavano in una ripresa... Ora quanto dicevo è purtroppo un dato di fatto...
Mi spiace apparire spesso come il pessimista di turno, ma quando parlo/scrivo riguardo qualcosa è perchè sono a conoscenza dei fatti... Addio radio press :(

Per Matteo: è da 3-4 giorni che qualcuno si cimenta a mettere musica no stop in mono senza jingle e senza RDS sui 93.5... Forse sii sa anche chi è ma non faccio nomi...

Inviato il :1/6/2013 2:23
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#65
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
4/4/2008 12:10
Ultimo accesso:
29/11 21:28
Da san gavino monreale
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 2773
Non In Linea
penso che la 93.5 sia stata ceduta a qualche soggetto non meglio identificato, pensavo fosse ancora press, ma evidentemente nn è cosi....

@ventosa: è da 8 giorni e non 4 che trasmettono le stesse canzoni a rotazione, quasi per inerzia

Inviato il :1/6/2013 10:33
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#66
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
4/4/2008 12:10
Ultimo accesso:
29/11 21:28
Da san gavino monreale
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 2773
Non In Linea
chiedo scusa in anticipo per invadenza forum: posso chiedervi come funziona la faccenda delle frequenze oggetto di fallimento?? possono essere cedute' e se si, come funziona ???

Inviato il :1/6/2013 15:32
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#67
Primi passi
Primi passi


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
10/9/2006 14:51
Ultimo accesso:
9/3/2017 8:20
Da Sestu
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 44
Non In Linea
Radio Press è fallita. È solo l’ennesima Radio locale, l’ultima di una lunga lista, che ha dovuto chiudere i battenti. Non che mi piacesse particolarmente, e sorvolo sui motivi, ma sicuramente ha avuto il grande merito di fare informazione locale, dare voce a tante realtà che faticano a trovare spazi nei vari organi di stampa, coinvolgere tante persone, e fare formazione.
Radio Press ha avuto un certo successo in città, soprattutto in certi ambienti, eppure non ce l’ha fatta. Perché?
Proverò a spiegare un paio di cose che forse in pochi conoscono.
Un tempo era facile fare radio, sia sul piano tecnico che su quello fiscale. Bastavano un po’ di dischi da casa e dagli amici e qualche matto che si mettesse a dire quattro scemenze dietro a un microfono, fare scherzi telefonici, o prendere dediche e richieste musicali e la radio era fatta. Poi tutto è cambiato. Dall’assegnazione delle frequenze in poi, senza entrare nei particolari, le radio “libere”, hanno dovuto sottostare a un processo di “aziendalizzazione”. Non più radio per hobby, dunque, ma veri e propri soggetti giuridici, con obblighi legali e fiscali come le altre imprese. Per legge, le radio locali devono avere almeno due dipendenti, uffici in regola con la normativa sulla sicurezza, tutti gli speaker devono avere l’agibilità, i contributi pagati, avere tutti i supporti audio in originale, pagare la SIAE e tutte le tasse che normalmente strozzano anche le imprese. Con la differenza che le Radio non sono come tutte le altre imprese.
Le Radio spendono molto per creare un prodotto che la gran parte di chi lo utilizza non pagherà. In termini economici parliamo di “esternalità”. I costi possono essere coperti solo attraverso donazioni volontarie, sempre rare o inesistenti, contributi pubblici, pubblicità istituzionale e, il modo più ovvio, attingendo dal mercato pubblicitario.
In Sardegna la legge sull’editoria ha subito un forte attacco dalla giunta Soru nel tentativo di organizzare il settore secondo criteri di efficienza. Nonostante ciò, ancor oggi la pubblicità istituzionale della Regione e suoi enti, ma anche quella delle Provincie e dei Comuni, viene assegnata in base a criteri poco trasparenti e spesso in base a conoscenze dirette e simpatie personali.
Il mercato della pubblicità locale, invece, è stato ucciso dalla mancanza di figure professionali che non avendo argomentazioni, finivano per attuare solo politiche di prezzo, praticando sconti fortissimi pur di avere un contratto. Spesso ciò è stato reso possibile da chi aveva le spalle più coperte, ma anche da tanti improvvisati del mestiere. Come può vivere una Radio che vende uno slot a 2€ o perfino a 50 centesimi? Quanta pubblicità serve per coprire i costi degli uffici, degli impianti di trasmissione, delle apparecchiature, della corrente, del personale, delle tasse?
Tutto questo, io credo, ha fatto sì che la pubblicità radiofonica fosse svilita anche nell’immaginario collettivo.
Va anche detto che in Sardegna oltre ad un esiguo bacino di utenza, c’è una forte frammentazione e le Radio sono ancora una cinquantina e di queste alcune sono poco più che Radio condominiali e gran parte sono Radio di quartiere, di paese, o al massimo cittadine. Ma tutto questo non si sa. O meglio, non si vuole sapere, e non si vuole far sapere. Perché è facile dichiararsi Radio Regionali o Radio Provinciali, ma di fatto, chi controlla? E chi ha interesse a saperlo? Nessuno, o quasi.
Invece gli strumenti per le misurazioni del segnale e del bacino di utenza e gli strumenti di indagine statistica ci sarebbero. Ho provato a proporre anni fa uno studio al Corerat, ora Corecom, ma è stato inutile. Si è sempre preferito affidare studi improbabili e superficiali all’Università.
Chi dirige quell’ente sono giornalisti o politicanti che di radio non sanno nulla e non vogliono sapere.
Chi ha osato aderire alle indagini di mercato di Audiradio prima ed Eurisko poi, ha dovuto constatare sia gli altissimi costi ma soprattutto i forti limiti, per dir poco, di un sistema di indagine statistica obsoleto e impreciso che sembrerebbe quasi una presa in giro se non fosse per il carattere vessatorio.
Io penso che gran parte delle Radio in Sardegna abbia il fiato corto. Non credo che si possa dare la colpa agli editori, perché avere una Radio vuol dire avere un pozzo mangiasoldi senza fondo.
Da anni penso, forse ingenuamente, che solo una forte azione da parte della politica e un dialogo fra i concessionari possa portare a qualcosa di buono, ma la rivalità e alta e ciascuno cura il proprio orticello.
Sono anche convinta che l’eccessiva frammentazione di nano e micro Radio non serva a nulla e nessuno e non potrà durare e l’agonia delle emittenti radiofoniche locali sarà destinata a durare a lungo.
Stefania!

Inviato il :1/6/2013 20:04
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#68
Studente
Studente


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
12/9/2007 12:35
Ultimo accesso:
3/7 11:20
Da Intervengo ovunque
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 109
Non In Linea
egr. Sig.ra/ina a parte le idee poco chiare di esporre,mi viene da pensare "lanci la pietra e nascondi la mano?".Prima di trascrivere certe affermazioni non sarà il caso di rivedere nel proprio orto se realmente sono cosi le cose.

SMETTIAMOLA DI FARE LA BRUTTA COPIA DI UNA RADIO NAZIONALE. LA RADIO SI FA CON IDEE PROPRIE

Inviato il :2/6/2013 10:07
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#69
Guru
Guru


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
20/4/2006 16:31
Ultimo accesso:
27/9/2013 8:09
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Editor
Socio
Messaggi: 775
Non In Linea
Citazione:

Maurizio
...Chi ha osato aderire alle indagini di mercato di Audiradio prima ed Eurisko poi, ha dovuto constatare sia gli altissimi costi ma soprattutto i forti limiti, per dir poco, di un sistema di indagine statistica obsoleto e impreciso che sembrerebbe quasi una presa in giro se non fosse per il carattere vessatorio....

Stefania!


sapendo come funziona perchè iscriversi? " è stata una prescrizione del medico di famiglia"

Inviato il :2/6/2013 12:24
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: Radio Press in crisi
#70
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
4/4/2008 12:10
Ultimo accesso:
29/11 21:28
Da san gavino monreale
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 2773
Non In Linea
93.500 in portante muta dal pomeriggio di oggi.
Forse il piratone fa la nanna????? :) :)

Inviato il :2/6/2013 18:06
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto







Puoi vedere le discussioni.
Non puoi iniziare una nuova discussione.
Non puoi rispondere ai messaggi.
Non puoi modificare i tuoi messaggi.
Non puoi cancellare i tuoi messaggi.
Non puoi aggiungere nuovi sondaggi.
Non puoi votare nei sondaggi.
Non puoi allegare file ai messaggi.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.
Non puoi utilizzare tipo di discussione.
Non puoi utilizzare la sintassi HTML.
Non puoi utilizzare la firma.
Non puoi creare pdf.
Non puoi stampare la pagina.

Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 500
Ultimo: Mitomito

Utenti online:
visitatori : 2
registrati : 0
Bots : 7
Totale: 9

Lista online [Popup]