Sei sulla pagina » Home Page » Forum » Forum - Tutti i messaggi

SardegnaHertz

Annunci

Annunci

Sardegnahertz Indice del forum


Home page » Tutti i messaggi (cristian)




Re: Radio Italia anni 60 fm 91.8 ????
#1
Webmaster
Webmaster


Non so se è una modifica recente, ma risulta nuovamente regolare su 91.80

Inviato il :Ieri alle 11:36
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: chiusura forum, ci si sposta sul gruppo Facebook!
#2
Webmaster
Webmaster


Posso riepilogare brevemente alcune motivazioni che non ho riportato sopra:
1) in generale quasi tutti i forum presenti in rete hanno avuto un calo di importanza e di visitatori, in quanto gli utenti si sono spostati sui social. Situazione questa che a me personalmente non piace, però devo purtroppo prenderne atto.

2) Abbiamo necessità di aggiornare l’intera piattaforma attualmente esistente che sta alla base di questo sito e del forum stesso. Ci sono però delle difficoltà nello spostare i contenuti su un sistema moderno. Richiede tanto tempo e risorse, che potrebbero essere anche sprecate in considerazione del punto 1. Quindi è più facile archiviare il forum, gestirlo altrove e proseguire qui con le altre funzioni. Ovviamente se poi mancano il riscontro pure sui social, allora si potrà rivedere e ripensare la cosa.

3) Infine da non sottovalutare che nuove normative in materia di privacy, rendono sempre più difficoltoso gestire i dati degli utenti che fanno parte di un forum online. Meglio da questo punto di vista far ricadere buona parte della responsabilità ad una piattaforma: Facebook, Twitter, ecc…

Inviato il :16/10 23:28
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


chiusura forum, ci si sposta sul gruppo Facebook!
#3
Webmaster
Webmaster


A breve, per quanto riguarda Sardegnahertz, ci sarà una rivoluzione il cui scopo finale sarà rilanciare il sito ed aggiungere nuove importanti novità.
Uno dei passaggi consisterà nell'archiviazione di tutti i contenuti del forum scritti dalla nascita del sito nel 2005 ad oggi. Tali contenuti saranno consultabili sempre su queste pagine, ma non si potrà più rispondere o aprire discussioni.

La nuova piattaforma ufficiale di discussione sarà il gruppo Facebook raggiungibile su https://www.facebook.com/groups/391788205090523/ che prenderà il via in questi giorni, che si aggiungerà alla pagina già esistente da diversi anni. Si cercherà inoltre di essere presenti anche su altri social, in particolare Twitter dove abbiamo già un account e Instragram.

Contestualmente è previsto un rilancio del sito con la presenza di articoli, notizie, nuovi contenuti e l'aggiornamento della parte dei dati. Resterà tagliata come già scritto tutta la parte relativa alla community che sarà concentrata sui social.

Una regola tassativa che ci siamo imposti sul nuovo gruppo sarà quella di accettare solo utenti con nome e cognome.

Alla chiusura del forum presente su questo sito, che probabilmente avverrà entro dicembre 2019, una mail, vi informerà dell’eliminazione dei vostri dati. Non sarà quindi più possibile effettuare il login e gli utenti non avranno alcun profilo, password e mail archiviata nei nostri sistemi. A quel punto il forum sarà ancora presente ma solo sotto forma di discussioni archiviate liberamente consultabili, prive di ogni vostro dato personale.

Ovviamente non è una decisione definitiva e potrebbe variare a seconda del riscontro che ci sarà sul gruppo.

Mi rendo conto che per taluni non iscritti al social o semplicemente per altri motivi, questo potrebbe rappresentare un problema, e quindi leggerò con attenzione anche altre eventuali considerazioni da parte vostra, che potranno nascere da questo primo post.

Inviato il :16/10 22:26
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


problemi tecnici video Rai3
#4
Webmaster
Webmaster


Insolito problema video per Rai 3 nella serata odierna del 2 ottobre, pare che sia coinvolta solo la Sardegna.

Allega file:



png  rai3S2.png (983.88 KB)
1_5d94f80c1e18f.png 1024X576 px

Inviato il :2/10 21:19
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: Re: Rai 1.2.3 hd dal 19/9/16 sul dtt
#5
Webmaster
Webmaster


ultimamente ho notato che molto sport viene trasmesso pure su RAI2

Inviato il :27/9 20:30
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: Radio golfo degli angeli muta in fm
#6
Webmaster
Webmaster


Esiste anche l'app dell'emittente per Android scaricabile da Playstore

Inviato il :18/9 12:57
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: Radio golfo degli angeli muta in fm
#7
Webmaster
Webmaster


La diretta sarà venerdì 20 settembre, dalle 09.00 alle 13.00

Allega file:



jpg  golfo.jpg (65.58 KB)
1_5d81ea9641d34.jpg 720X657 px

Inviato il :18/9 10:28
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: Radio golfo degli angeli muta in fm
#8
Webmaster
Webmaster


Le decisioni vanno sempre rispettate. E ricordiamoci che il punto di vista dell’ascoltatore (ed anche del dipendente) è diverso da quello dell’editore.
Però vista la storia dell’emittente, questa non merita uno stop così brusco.
Per questo ho avviato questa semplice petizione, che sono certo potrà convincere il caro Renato Perra ad effettuare almeno un’ultima diretta alla quale potranno partecipare in studio ex e attuali collaboratori, con eventuali interventi telefonici e poi magar proporre qualche spezzone di vecchi programmi (vedi quindi di cercare già qualcosa in archivio).
Possiamo cercare di convincerlo firmando da questo link http://chng.it/g52LNQQqzj
confermate poi la mail affinchè la firma sia valida.
Grazie a tutti!

Inviato il :6/9 23:16
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: United Music
#9
Webmaster
Webmaster


Citazione:

monnyx ha scritto:
Sì, però non mi pare che qualcuno abbia parlato di spegnimento della modulazione di frequenza per affidarsi totalmente alla diffusione via web

Mi riferivo al DAB. E' quanto purtroppo si auspica da più parti. Io ho visto un video recentemente di una sintonizzazione, "a vuoto" in fm con l'autoradio in Norvegia ed è quanto di più desolante ci possa essere.
Ora i "dabisti" stanno festeggiando per l'annunciato spegnimento in Svizzera e non vedono l'ora di spingere affinchè questo possa verificare in tutta Europa.

Citazione:

Quest'ultima, per me, al giorno d'oggi, è solo un'opportunità in più che è giusto sfruttare. Poi, se posso fare una previsione, un giorno diventerà predominante per non dire esclusiva, visto che oggi si nasce con un cellulare in mano e non credo che si cambieranno abitudini con la crescita.

giustissimo considerarlo come opportunità in più, anche se va detto che la maggior parte dei ragazzi nativi digitali a parte perdere tempo sui social non sanno fare altro con il telefono. Il massimo della capacità è scaricare qualche gioco dai vari store. E' già troppo complesso chiedere alla nuova generazione, di cercare un'emittente su Google, ma voglio essere ottimista... forse sono o saranno capaci in futuro di impiegare almeno un aggregatore magari se già preinstallato...


Inviato il :17/6 13:54

A cura di/della cristian su 17/6/2019 18:25:19
A cura di/della cristian su 17/6/2019 18:25:50
skype: cristian.puddu
Segnala In alto


Re: United Music
#10
Webmaster
Webmaster


Siete secondo me un po’ tutti fuoristrada. Anche perché come capita spesso si fa l’errore di basarsi sulle proprie esigenze personali e poi trasformarle in un qualcosa di statisticamente e universalmente valido.
Proporre come alternativa il DAB è allo stato attuale ridicolo: per via della scarsa diffusione e dello scarso interesse tra il pubblico. Poi visto che Mivar parla di costi, perché una persona dovrebbe acquistare un nuovo apparecchio o modificare la propria autoradio, quando esiste già un mezzo: la fm che consente la fruizione dei medesimi contenuti, con una copertura maggiore, con un numero di emittenti maggiore, e spesso con una qualità audio superiore?
Il DAB va ancora visto solo come un mezzo di trasmissione aggiuntivo (che mi auguro possa sostituire il più tardi possibile la banda fm,) dedicato per le sue caratteristiche tecniche ad un utilizzo veicolare.Sul DAB si sta cercando di forzare la mano non perché vi è un reale interesse da parte dell’utente(questo semmai è alla ricerca di contenuti diversi poi che arrivino in fm, digitale terrestre, streaming poco importa) ma perché vi è interesse da parte di lobby costituite per lo più da grandi editori nazionali.

Lo streaming, non piove dal cielo e non illudetevi perché non è un regalo che vi arriva per permettere agli utenti di ascoltare meglio. Ora ci girano soldi ed interessi. Da parte degli editori, da parte degli aggregatori, da parte delle compagnie telefoniche e non ultimo da parte dei produttori di smartphone. Voi utenti siete solo dei piccoli pesci, pronti ad abboccare all’amo di tutti questi colossi, che non si faranno scrupoli di ottenere il massimo rendimento, anche al costo di essere per questo al servizio del politico di turno, dello stato e del più forte.
Dire che con lo streaming si può ascoltare qualsiasi cosa dall’estero è reale solo in parte. Non vi è tecnologia più semplice di questa per bloccare i flussi solo in un determinato paese. Già ora ci sono numerose emissioni bloccate per i diritti, ma abbiamo anche dei casi di censura.
Il target attuale delle emissioni radiofoniche è composto per buona parte da persone adulte. Anche anziani. E molti di questi hanno un piano dati ridotto oppure non ne hanno affatto. Quindi per loro è in ogni caso un servizio a pagamento aggiuntivo.
Puoi avere anche 200 giga di dati a 10 euro al mese, che se solo una minima parte vien consumata per la radio, significa che per l'ascolto stai pagando!

Ma andiamo oltre, immaginiamo un domani in cui l’unico sistema per ascoltare la radio sia una connessione.
Prima di tutto i server attuali dovrebbero gestire un carico di utenti molto elevato e questo comporterebbe per gli editori un aumento delle spese.
Mi aspetto un mercato in cui alcuni produttori potrebbero preinstallare delle app solo di alcune emittenti radiofoniche, avvantaggiando quindi i grandi network già oggi presenti. Aggregatori come Tunein, Fmworld, My tuner ed altri ancora avrebbero una buona quota di mercato, decidendo le sorti delle emittenti. Saranno presenti nelle auto e nei terminali mobili con limitate funzioni free e tenderanno quindi ad offrire sempre più funzioni a pagamento.
Sin da ora un utente domestico con la fibra ad 1 giga, se vuole realmente sfruttarla, rischia di vedere, le proprie spese mensili triplicate abbonandosi a servizi quali Amazon Prime, Netflix, Now Tv, Infinity, Spotify ed altri ancora. Non mi sorprenderebbe l’affermarsi, seppur in modalità diverse, di una situazione simile anche in campo radiofonico.
Quindi se volete il mio parere possiamo anche credere nell'alternativa streaming e Dab, ma non ditemi che sono tutte rose e fiori.

Inviato il :16/6 15:06
skype: cristian.puddu
Segnala In alto



(1) 2 3 4 ... 166 »



Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 499
Ultimo: IS0AMW

Utenti online:
visitatori : 10
registrati : 0
Bots : 4
Totale: 14

Lista online [Popup]