Sei sulla pagina » Home Page » Forum » Forum - Tutti i messaggi

SardegnaHertz

Annunci

Annunci

Sardegnahertz Indice del forum


Home page » Tutti i messaggi (mivar_63)




Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#31
Nobel
Nobel


Citazione:

monnyx ha scritto:
Tesar? Mux spento da anni e hanno ancora diritto a qualcosa?

Finchè tengono accesa almeno una frequenza dell'intera rete, non perdono la concessione.

Poi, ovviamente, il tutto andrebbe a ridiscutersi in sede di graduatoria.

Inviato il :13/2 19:01
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#32
Nobel
Nobel


Citazione:

satellite ha scritto:
leggevo di ferretti: spero che 7gold faccia domanda per avere una frequenza anche qui in sardegna, visto che non è riuscita a comprarne per ora..

Se utilizzassero anche le frequenze non coordinate - coi dovuti limiti radioelettrici - lo spazio ci sarebbe solo se Tesar rinunciasse a coprire la citta metropolitana di Cagliari, o se Canale Italia rinunciasse a uno dei due mux.

Più tardi, torno sulla questione delle altre 3 frequenze per i nostri operatori locali citate nel PNAF, gli UHF 41, 28 e 34.

Inviato il :13/2 14:42
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#33
Nobel
Nobel


Citazione:

torakiky ha scritto:
Anche io ho letto da qualche parte, che il Rai mux1 dovrebbe essere in UHF.

Lo accenna in più passaggi la Delibera 39/19/CONS, ovvero l'ultimo PNAF appena redatto.

Citazione:

torakiky ha scritto:
Addio alle nostalgiche Fracarro 4 e 6 elementi?? Vedremo..

Non è detto; mal che vada, Algeria in PAL B (mondiali di calcio gratis) e poi DAB. Purtroppo.

Passiamo ora al punto nevralgico del PNAF: gli operatori locali.

Come detto, ulteriormente ridotti gli spazi per quest'ultimi a favore del dodicesimo mux nazionale (in k-SFN) per non scontentare i vari Di Stefano, Federico, Garbo, Ferretti, e chi più ne ha ne metta.

Sarà quello in fase di assegnazione più conteso, dando per scontata la sorte degli altri 11.

L'intenzione del PNAF è costringere gli operatori di rete e i fornitori di contenuti a consorzi obbligati.

E' una medaglia, come tale ha un dritto e un rovescio.

Per l'area tecnica 18, la nostra, l'Allegato 1 a pagina 19 prevederebbe UNA SOLA rete a copertura regionale per tutta la Sardegna... è assurdo! SOLO UNA, così come avviene nelle altre aree tecniche. Tale tipologia di rete viene classificata come Rete Locale di I livello.

precisamente: UHF 39 per le province di CA CI e VS, UHF 41 per le province di OR NU e SS.

Troppo poca. E il consorzio che arriverebbe secondo in graduatoria? No problem, si fa per dire, in base all'Allegato 2 del PNAF ecco due Reti Locali di II livello. UHF 28 e 34. Copertura? Solo l'attuale provincia di NU. Senza nessuna possibilità di espansione.

Va precisato che il PNAF appena redatto pianifica esclusivamente l'uso di frequenze coordinate.

Non è da escludere, infatti, che un razionale e preferibile utilizzo delle risorse frequenziali anche fra le non pianificate, con le dovute limitazioni, consentirebbe la sopravvivenza di altri operatori senza la forzatura dei consorzi obbligatori (che, contrariamente allo scopo per cui verrebbero strutturati, andrebbero a far aumentare i costi per i fornitori di contenuti provinciali, come Canale 40, telegì, canale 12, TELE OLBIA, ecc...).

Partiamo dalle frequenze pianificate per noi dal PNAF

Perchè l'UHF 39 SOLO nelle province di CA, CI e VS? Perchè non nelle province di OR, NU e SS?
Certo, c'è da salvaguardare Nizza (ove da Monte Albano sul 39 emettono un loro mux) e Malta (ove un 39 sostituirà frequenze oggi in banda V). Ma un sistema radiante a Badde Urbara e sul Limbara col nullo radioelettrico (o una forte restrizione dell'ERP) verso Nizza, e da Serpeddì nullo o restrizione verso Malta, risolverebbe i problemi, rendendo piemanete utilizzabile l'UHF 39 anche nelle province di OR, NU e SS.
Nella pianificazione ideale, l'UHF 39 resterebbe ad appannaggio di Sardegna Tv (Sardegna1, ndr).

Più tardi esporrò i casi delle altre 3 frequenze in oggetto, gli UHF 41, 28 e 34.


Inviato il :12/2 21:41
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#34
Nobel
Nobel


Prime osservazioni (riguardanti le reti pianificate e le possibili aassegnazioni):

mux nazionale n.9 (probabilmente Mediaset3).
Grande fesseria aver assegnato il 38 nella provincia di Oristano al posto del 29.
L'accensione di Mediaset3 da Badde Urbara sull'UHF 38 andrebbe a compromettere l'emissione del secondo mux della televisione francese emesso da Marsiglia.
La soluzione ideale per evitare la criticità di cui sopra sarebbe, nella provincia di Oristano, pianificare l'UHF 29 come nelle tre province meridionali.

mux nazionale n.11 (probabilmente DFree).
Grande fesseria aver assegnato il 23 nella provincia di Oristano al posto del 24.
L'accensione di DFree da Badde Urbara sull'UHF 23 andrebbe a compromettere l'emissione del primo mux della televisione francese (quello coi canali pubblici) emesso da Marsiglia.
La soluzione ideale per evitare la criticità di cui sopra sarebbe, nella provincia di Oristano, pianificare l'UHF 24 (seppure con una riduzione verso la Corsica, dove c'è il loro mux 7) come nelle tre province meridionali.

mux nazionale n.12 (una fra E7, BeS, Canale Italia, ecc...).
L'assegnazione dell'UHF 31 nella province di CA, CI e VS potrebbe essere evitabile: andrebbe a compromettere l'emissione del terzo mux maltese.
Un UHF 27 come nelle province di OR, NU e SS - ma con riduzione verso la Sicilia dove c'è il mux 3 RAI - sarebbe la soluzione ideale.

Inoltre, la Delibera 39/19/CONS non fa menzione della possibilità (dunque non è preclusa ma sarebbe ben auspicabile) che il mux 1 RAI - oltre la rete in k-SFN in UHF pianificata come n.8 - possa impiegare ANCHE risorse in VHF nei bacini in cui storicamente in ricezione si è sempre usata un'antenna di banda III o logaritmica.

E' il caso della Sardegna, ove non è da escludere la possibilità che il mux 1 RAI possa restare nei canali in banda III già pianificati nel precedente PNAF, assieme o al posto della rete pianificata in UHF.

Potremo trovarci il mux 1 RAI, da Serpeddì, sempre sul VHF E9 assieme o al posto dell'UHF 43.

Qualora si optasse per la seconda ipotesi (tradizionale rete VHF al posto del 43), si libererebbe un'ulteriore risorsa frequenziale, utile per operatori locali non arrivati in posizione utile nella futura graduatoria.

Personalmente, preferisco (in Sardegna) il mux 1 RAI come sempre in VHF, lasciando l'UHF 43 a un operatore locale.

Inviato il :11/2 15:48
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#35
Nobel
Nobel


Citazione:

satellite ha scritto:
magari nelle versioni "accoppiate", ci saranno 2 rai 3, una per ogni regione..

E' esattamente ciò che ho affermato sul post n.26

In Sicilia e in Calabria, per esempio, l'unico mux 1 RAI avrà al suo interno due Rai 3; una TGR Calabria e l'altra TGR Sicilia.

Citazione:

satellite ha scritto:
ma in sardegna, le locali potranno avere gli stessi mux oppure ci saranno accorpamenti o consorzi??

Alle locali ci arriviamo dopo, è la situazione più delicata e complessa da affrontare.

Sulla carta, sembra anche peggio del precedente PNAF dello scorso anno.

Secondo il PNAF, utilizzando SOLO frequenze coordinate, dovremo avere unico operatore a coperura regionale (frequenze locali di I livello, come da Allegato 1), e uno-due relegati alla sola provincia di Nuoro e Sassari (frequenze locali di II livello, riportate nell'Allegato 2).

Dunque, non più assegnazione dei diritti d'uso, ma creazione di consorzi sulla base della fornitura di contenuti (FMSA). Tuttavia, questo punto verrà messo in discussione...

Ricorsi, interventi della magistratura ecc..., faranno sì che nonostante la volontà degli operatori nazionali di ridurre quelli locali (nonostante la politica ora favorevole, il MISE è ancora oggi ostaggio dei big network) il numero degli operatori locali possa aumentare considerevolmente, per ogni area tecnica.

Il testo della Delibera 39/19/CONS, infatti, non fa menzione (dunque non vieta espressamente) - in un secondo momento, dopo la sua concreta attuazione - di poter utilizzare coi dovuti limiti radioelettrici anche le frequenze non pianificate (che per comodità potremo definire Frequenze Locali di III livello) da dedicare espressamente agli operatori locali (potrebbero anche non essere più i consorzi) che nella futura graduatoria non si sono classificate ai primi posti (quelli, ufficialmente, utili ai fini dell'assegnazione della frequenza).

Intanto, tornando alle assegnazioni degli operatori nazionali, prevedibile in Sardegna il seguente scenario:

RAI (mux 1) UHF 43
Rai (mux 2) UHF 40
RAI (mux 3) UHF 26
Mediaset1 UHF 46
Mediaset2 UHF 36
Mediaset3 UHF 29 (CA CI VS) - 38 (OR NU SS)
TIMB1 UHF 47
TIMB2 UHF 32
TIMB3 UHF 42
CAIRO DUE UHF 21 (CA CI VS) - 33 (OR NU SS)
DFree UHF 24 (CA CI VS) - 23 (OR NU SS)
E7/BeS/altri UHF 31 (CA CI VS) - 27 (OR NU SS)

A seguire, illustrerò il possibile scenario per i nostri operatori locali.

Inviato il :11/2 10:44
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#36
Nobel
Nobel


Citazione:

monnyx ha scritto:
[...]
P.S. Mivar, nella cartina hai annesso il dipartimento di Nizza alla Liguria. Non è un bel periodo per i rapporti con la Francia, non ti ci mettere pure tu 😂

E' una cosa voluta.

La provincia di Nizza (NI) E' ITALIANA.

Fra l'altro, i francesi, che più di noi vivono di furbizia e di scarsa trasparenza, si sono "dimenticati" di restituircela; il trattato di Torino del 1860 non è pienamente valido... leggendo fino in fondo la storia scoprirai perchè...

Inviato il :11/2 10:05
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#37
Nobel
Nobel


Dunque, 15 versioni del mux 1 RAI.

a condividere la versione del mux regionale sarebbero:

- Sicilia e Calabria
- Puglia e Basilicata
- Toscana e Lazio
- Piemonte e Lombardia
- Emilia Romagna e Veneto

Fortunatamente la Sardegna avrebbe la sua versione del mux 1 RAI, con una sola Rai 3, quella col TGR Sardegna.

Inviato il :10/2 19:42
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#38
Nobel
Nobel


E, per meglio spiegare il concetto:

Allega file:



png  N8 Delibera 39 19 CONS Versioni mux 1 RAI.png (146.75 KB)
317_5c606f4de2178.png 1632X2112 px

Inviato il :10/2 19:37
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#39
Nobel
Nobel


Allegato 1 alla mano, del nuovo PNAF appena uscito, pare finalmente risolto il problema relativo alle future frequenze del mux 1 RAI in aree tecniche adiacenti.

Pare che l'ottavo mux nazionale pianificato venga destinato proprio al primo multiplex del servizio pubblico, coi TG regionali. Impiegherebbe solamente 5 frequenze UHF (da noi il 43), nella penisola ogni singola frequenza dovrà coprire 2 regioni confinanti (esempio: nel Lazio e in Toscana è previsto il solo UHF 30, corrispondente a un unico mux 1 RAI con entrambe le Rai 3 delle rispettive regioni. Chi abita a Roma avrebbe non solo Rai 3 TGR Lazio ma anche Rai 3 TGR Toscana, così come a Firenze avrebbero non solo Rai 3 TGR Toscana ma anche Rai 3 TGR Lazio). Soluzione che evita tragiche sovvrapposizioni fra i mux 1 di regioni radioelettricamente confinanti via terra o via mare (da qui i fondati timori che ho avuto negli scorsi PNAF).

Per spiegare meglio come sarebbe configurato l'ottavo mux nazionale pianificato (destinato al mux 1 RAI) ho redatto una mappa basata su quanto previsto dall'allegato 1 della Delibera 39/19/CONS:

Allega file:



png  N8 Delibera 39 19 CONS.png (107.24 KB)
317_5c606c9674b0a.png 1632X2112 px

Inviato il :10/2 19:25
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#40
Nobel
Nobel


AGCOM: Delibera 39/19/CONS e relativi allegati (1 e 2; il terzo, relativo ai vincoli radioelettrici delle frequenze pianificate in questa prima fase, non è stato ancora pubblicato): questo il nuovo PNAF in arrivo.

Anche stavolta devo studiarmelo, e individuarne eventuali criticità.

Ad una primissima occhiata, più che altro legata a ciò maggiormente di nostro interesse - la sorte degli operatori di rete locali - si riduce lo spazio essi dedicato, almeno nella prima fase (quella attuativa, senza i correttivi ancora da stilare), ma ciò non impedirà che ve ne saranno più dei 2 o 3 previti nella nostra area tecnica. Ripeto, devo vedere cosa cambierebbe alla lice dell'attuale PNAF uscito ieri.

Inviato il :8/2 10:48
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Segnala In alto



« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 227 »



Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 499
Ultimo: IS0AMW

Utenti online:
visitatori : 7
registrati : 0
Bots : 2
Totale: 9

Lista online [Popup]