Sei sulla pagina » Home Page » Forum

SardegnaHertz

Annunci

Annunci

messaggio di report*
Codice di verifica*

Se l'immagine non è chiara, premere qui per aggiornare.


Inserire le lettere visualizzate nell'immagine
Il codice non è sensibile a Maiuscole/minuscole
Numero massimo di tentativi: 10
 

Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.

Elemento: Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
BY mivar_63 su 13/2/2019 20:53:42

Eccoci alla questione delle altre 3 frequenze per i nostri operatori locali citate nel PNAF, gli UHF 41, 28 e 34.

L'UHF 41, previsto per la Rete Locale di I Livello (copertura 90% popolazione) come frequenza per le sole province di OR, NU e SS, in realtà non potrebbe essere utilizzato nella provincia di Oristano: un'eventuale accensione di un 41 da Badde Urbara andrebbe a compromettere (com'è già ora che c'è la seconda rete del mux 4 RAI) l'emissione da Montpellier del mux francese R7. Per queste ragioni, giustamente, NON può essere impiegato nelle province di CA, CI e VS. In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a TELE OLBIA (Limbara), telegì (Sassari) e catalan tv (Alghero) sostituendo in pratica l'UHF 25.

L'UHF 28, previsto per la prima Rete Locale di II Livello per la sola provincia di Nuoro, è in realtà utilizzabile anche nelle province di SS (restrizione per Limbara verso Nizza) e OR (restrizione per Badde Urbara verso Nizza e Tunisia). In un contesto di pianificazione ideale, resterebbe una frequenza assegnata a TELESARDEGNA ma solo per le province di OR NU e SS, con le dovute - leggere - restrizioni che non inficierebbero sulla copertura effettiva.
Anche stavolta, per queste ragioni, giustamente, NON può essere impiegato nelle province di CA, CI e VS.

L'UHF 34, previsto per la seconda e ultima Rete Locale di II Livello per la sola provincia di Nuoro, è in realtà utilizzabile in tutta l'Isola (con le dovute restrizioni, per esempio dal Serpeddi non potrebbe irradiare in direzione Sicilia per non compromettere la locale emissione del mux nazionale n.11, probabilmente DFree) eccetto a Sassari e comuni limitrofi per non interferire il mux R3 dalla Corsica. Per quest'ultima ragione, un'eventuale accensione da Limbara sarebbe limitata ad irradiare nella sola parte orientale della provincia (da La Maddalena, passando per Olbia, fino a sud). In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a TELESARDEGNA per le province di CA, CI e VS, e al defunto TCS Mux2 solo da Limbara (di cui diverrebbe l'unica frequenza: la rete verrebbe rimaneggiata degli impianti di Cagliari, Capoterra e Sassari).

E le frequenze non pianificate? Quelle che non sono state oggetto di interesse del PNAF?

Come detto, nella fase attuativa, testo alla mano, verranno impiegate SOLO frequenze coordinate.

Sucessivamente, sperando che la forzatura dei consorzi obbligatori non vada in porto, dopo i previsti ricorsi alla magistratura e via discorrendo, entrerebbero in scena le frequenze non pianificate.

Eccole, in un ipotetico scenario, quello ideale, quello giusto:

UHF 22: in realtà utilizzabile in tutta la Sardegna, con Serpeddì che non può irradiare verso Malta, e Badde Urbara e Limbara non possono irradiare verso Nizza. In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a TCS.

UHF 23: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.11 (probabilmente DFree) nelle sole province di OR, NU e SS. Essendo libera nelle province meridionali, da Carloforte andrebbe assegnata a TELEMARISTELLA, essendo il Sulcis isolato dalle province settentrionali.

UHF 24: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.11 (probabilmente DFree) nelle sole province di CA, CI e VS. Essendo libera nelle province settentrionali, da Badde Urbara (con restrizione verso sud in modo da non interferire nel medio campidano) e da Nuoro potrebbe essere assegnata al VIDEOLINA2, ora moribondo dopo il passaggio di SUPER TV al mux TELESARDEGNA.

UHF 25: in realtà utilizzabile in tutta la Sardegna, con Serpeddì che non può irradiare verso Malta, e Badde Urbara e Limbara non possono irradiare verso Nizza. In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a Videolina.

UHF 27: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.12 (E7, BeS, o chissà chi altri...) nelle sole province di OR, NU e SS. Essendo libera nelle province meridionali, a CA, CI e VS (con le dovute restrizioni per non irradiare verso le province settentrionali) andrebbe assegnata a Tesar.

UHF 29: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.9 (probabilmente Mediaset3) nelle sole province di CA, CI e VS. Essendo libera nelle province settentrionali, a OR, NU e SS (con le dovute restrizioni per non irradiare verso le province meridionali) andrebbe assegnata a CANALE ITALIA 1.

UHF 30: In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a Canale 40 per la provincia di CI, e per le province di NU e SS (con alcune restrizioni verso Lazio e Toscana per non interferire il locale mux 1 RAI) a GalluraChannel. Non utilizzabile nella provincia di Oristano.

UHF 31: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.12 (E7, BeS, o chissà chi altri...) nelle sole province di CA, CI e VS. Essendo libera nelle province settentrionali, a Badde Urbara e a Ussaramanna (con le dovute restrizioni per non irradiare verso le province meridionali) andrebbe assegnata a Tesar.

UHF 33: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.10 (probabilmente CAIRO DUE) nelle sole province di OR, NU e SS. Essendo libera nelle province meridionali, a CA, CI e VS (con le dovute restrizioni per non irradiare verso le province settentrionali) andrebbe assegnata a CANALE ITALIA 1.

UHF 35: non utilizzabile nelle province di CA, CI (eccetto il Sulcis), VS e OR, in un contesto di pianificazione ideale andrebbe assegnata a Tesar per coprire le province di NU e SS.

UHF 38: in realtà è pianificata per il mux nazionale n.9 (probabilmente Mediaset3) nelle sole province di OR, NU e SS. Essendo libera nelle province meridionali, a CA, CI e VS (con le dovute restrizioni per non irradiare verso le province settentrionali) andrebbe assegnata a CANALE ITALIA 2.

UHF 39: pianificata per la Rete Locale di I Livello per le sole province di CA, CI e VS, in realtà utilizzabile in tutta la Sardegna, con Serpeddì che non può irradiare verso Malta, e Badde Urbara e Limbara non possono irradiare verso Nizza. In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a Sardegna Tv (Sardegna1, ndr).

UHF 44: in un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a GalluraChannel per le province di CA, CI, VS, OR. Ad ogni modo, Serpeddì e Badde Urbara avrebbero restrizioni verso la Sicilia (per non interferire la locale emissione del mux nazionale n.4, probabilmente Rete A1 ovvero il nuovo TIMB2) ma non tali da compromettere l'effettiva copertura. Non utilizzabile nella parte occidentale della provincia di SS.

UHF 45: in un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a CANALE ITALIA 2 nelle province di OR, NU e SS. Badde Urbara non può irradiare verso Nizza e la Tunisia, Limbara non verso Nizza. Per questo motivo, la frequenza non sarebbe utilizzabile nelle province di CA, CI (eccetto il Sulcis) e VS.

UHF 48: anche quest'ultima frequenza non sarebbe utilizzabile nelle province di CA, CI (eccetto il Sulcis) e VS, e neppure nella provincia di OR. In un contesto di pianificazione ideale, andrebbe assegnata a canale 12 (Sassari) e alla defunta alguer tv (Alghero).

Come si evince, con l'utilizzo razionale delle frequenze (quelle disponibili, e con sistemi radianti ottimizzati), anche stavolta ci sarebbe spazio per tutti, senza onerosi consorzi che farebbero male all'emittenza locale.

Se avete domande, o per chiarimenti, chiedete pure.

Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 499
Ultimo: IS0AMW

Utenti online:
visitatori : 12
registrati : 0
Bots : 3
Totale: 15

Lista online [Popup]