Clicca qui per uscire dall'archivio

Stai navigando sul vecchio forum ormai archiviato e disponibile solo per lettura

Visita il nostro nuovo sito!
SardegnaHertz






Distribuzione Segnale
#1
Nobel
Nobel


Avrei bisogno di un consiglio:
Mi è stato detto che è sbagliato collegare la tv direttamente al divisore di segnale e che dovrei usare dei partitori con resistenze di chiusura. Premetto che non ho ancora capito bene la differenza tra partitore e divisore e non ho problemi al mio impianto però se ho la possibilità di migliorare la ricezione perché non farlo.. Quando c'era l'analogico si notava una minima differenza (solo sui canali molto deboli) dal tv più vicino a quello più lontano ma penso che sia dovuto alla lunghezza del cavo, il tv più lontano tra curve varie sarà almeno di 20 metri ma ora col digitale non noto differenze.

Il mio impianto di distribuzione è composto da:
Divisore induttivo bilanciato a 4 uscite marca Etel mod.1574 (Separazione 24db, Attenuazione 8db)
Nella prima uscita (l'unica contrassegnata da CC) ho collegato l'alimentatore e con una semplice T alla presa ho sia tv e pc (distanza dal divisore 6 metri);
Nella seconda ho collegato direttamente un'altra tv (distanza dal divisore 8 metri);
Le altre due discese invece vanno nel piano terra e tramite 2 partitori a 2 uscite (Fracarro ma non ricordo il modello) mandano il segnale ai 4 tv. (distanze varie e non in serie)

Dal divisore in giù non è molto vecchio avrà 6 anni, i cavi sono spessi 7mm tipo Sat privi di pieghe e ovviamente aggiunte o nastrate varie (è una cosa che odio), in alcuni punti sono stato obbligato a far passare il cavo nella canaletta dove passano i cavi elettrici ma penso che il cavo sia schermato, mica in tutte le case si ha la possibilità di far passare il cavo antenna separatamente!.

Se c’è qualche errore consigliatemi la soluzione migliore grazie.

Inviato il :15/6/2009 11:19


Re: Distribuzione Segnale
#2
Nobel
Nobel


Le "T" son sempre da evitare..a meno che non si abbia un segnale ottimo..da evitare pure le giunzioni dei cavi ed usare solo cavi da 7 mm...il partitore e un mangiatore di db ne perdi 1 ogni 4 metri di cavo, quindi queste perdite vanno rafforzate con un buon ampli ..Il divisore come dice il nome divide i segnali d'antenna per le varie stanze....il partitore e' invece quello che da il segnale per ogni singolo tv...ricordati di usare un partitore con meno uscite possibili ,solo quelle che servono,per non degradare molto il segnale...meglio sarebbe avere un misuratore di campo, quando si fanno questi lavori..nel tuo caso sarebbe d'obbligo.

Inviato il :15/6/2009 13:48
www.sardegnahertz.it
Postazioni-serpeddi'-campuspina-san michele


Re: Distribuzione Segnale
#3
Guru
Guru


Prima di tutto , definisci il citato "T" : se si tratta di un "T" tipo F senza nessuna partizione di segnale(ossia due uscite parallele alla discesa) , questo non è certo igenico .
Qualche delucidazione sulle "partizioni" : esistono due famiglie principali di partitori, quelli a "spillaggio" RF e quelli a partitore induttivo .
In realtà anche lo spillaggio Rf è di tipo induttivo , ma eseguito senza trasformatori .
Quelli a spillaggio prelevano parte della radiofrequenza che passa dentro il partitore e la distribuiscono nelle uscite : ossia, la radiofrequenza entra ed esce sul partitore e una parte di quella entrante viene distribuita nelle uscite .
Il secondo tipo , utilizzante partitori induttivi, divide la radiofrequenza in ingresso con dei piccoli trasformatori larga banda(dotati di traferro a perlina RF) : l' ingresso viene splittato in due uscite che a sua volta viene diviso in altre due parti .
A livello matematico, ogni divisione di segnale comporta una attenuazione di 3 dB teorici (metà segnale) , quindi nel caso di quattro uscite , ogni uscita , sommando 2 dB circa di perdite , risulterà 7-8 dB attenuata rispetto all' ingresso .
Se posso darti un consiglio, armati di un saldatore e modifica le partizioni a seconda delle perdite sulle tratte : una tratta corta puo sopportare, a pari segnale d' antenna , una attenuazione importante di 8 dB , ma se la tratta è lunga , allora è preferibile utilizzare una uscita della prima partizione per poi partizionare in cascata le altre uscite .
I partitori a spillaggio , vedi la famiglia CAD Fraccarro per intenderci, va utilizzata solo in caso di impianti centralizzati ove un amplificatore di testata compensa sia la perdita delle discese che la partizione a -20 db delle uscite .
Non risparmiare sul cavo , evita i cavi "gas injected" con riempimento della calza ridicolo : non ha senso pretendere di avere un segnale decente quando il cavo che trasporta i segnali ha perdite superiori all' attenuazione del partitore .
I cavi dentro i conduit devono essere secchi : mi è capitato una volta di imbattermi con un cavo Tv di ottima qualità, inserito con del sapone dentro il conduit , che col tempo ha assorbito umidità e bloccava mostruosamente la banda 5 UHF .
Bye

Inviato il :15/6/2009 13:59


Re: Distribuzione Segnale
#4
Nobel
Nobel


CNS_ATM scrive;
Se posso darti un consiglio, armati di un saldatore e modifica le partizioni a seconda delle perdite sulle tratte :
-------------------------------------------------------------
Come fai ha modificare le partizioni con un saldatore?
Forse avendo a disposizione un misuratore di campo !!

Inviato il :15/6/2009 18:50
www.sardegnahertz.it
Postazioni-serpeddi'-campuspina-san michele


Re: Distribuzione Segnale
#5
Nobel
Nobel


Per "T" intendo quelle "da supermercato" che si collegano direttamente alla presa, dubito che abbiano una partizione di segnale. Ma comunque questa è una cosa provvisoria visto che la presa è proprio dietro alla tv e il pc è affianco in teoria potrei eliminare la "T" e collegare direttamente alla presa o solo il tv o il pc (tanto non li uso nello stesso momento l’ho messa solo per comodità).

Allora non è sbagliato collegare i tv direttamente al divisore? Purtroppo non ho un misuratore di campo, mi sono basato sempre sulla qualità di ricezione del canale più debole (ora in digitale è più difficile).
I 2 partitori che ho penso che siano proprio i CAD della Fracarro quindi a spillaggio, quando stavo realizzando l'impianto ho notato che un' uscita attenuava leggermente il segnale quindi in quella ho collegato il tv più vicino pensando che se collegavo il tv più lontano avevo più perdita di segnale. Poi se non ricordo male ho avuto problemi nel collegare l’alimentatore d’antenna con questi partitori magari sbagliavo qualcosa, infatti ora è collegato in un’altra uscita.

Eviterei di modificare i partitori anche perché non saprei cosa fare, al massimo posso sostituirli con un tipo diverso se questi non vanno bene.
Quindi in linea di massima (T esclusa) il resto dovrebbe andare bene? Il cavo è molto rigido ma non so di che tipo sia, Non ho grosse perdite di segnale anche perché l’amplificatore di testa (42db) compensa sicuramente le dispersioni, certo un misuratore di campo sarebbe l’ideale ma sono abituato ad arrangiarmi da solo. Il fatto è che mi servono 6 prese tv con distanze e direzioni varie (non a cascata o in serie) e ho pensato che questo sia il sistema migliore.

Inviato il :15/6/2009 20:55
Ricezione TV: Serpeddì, Marmilla, Collinas, Badde Urbara (solo CH45) Mux perfettamente ricevibili CH 7 11 22 23 29 36 39 40 41 42 43 45 46 47 49 52 57; non stabili CH 26 27 28 32 38 44 50 55 56 59; Non ricevibili CH 9 21 25.


Re: Distribuzione Segnale
#6
maestro
maestro


a casa mia ho avuo lo stesso problema nella zona notte avevo segnale ridotto causa i cad ho risolto aggiungendo un amplificatore autoalimentato da 20 db direttamente in scatola di derivazione tv sull'arrivo della distribuzione del segnale nella zona notte ovviamente l'ampli e regolabile in modo che si eviti la distorsione del segnale essendoci 2 amplificatori

Inviato il :16/6/2009 6:39