Sei sulla pagina » Home Page » Forum » nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze. [Digitale terrestre]

SardegnaHertz

Annunci

Annunci



Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi


(1) 2 3 »




nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#1
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Come promesso alcune settimane fa, in cui accennavo dell'imminente nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze (e conseguente road map per il rilascio delle frequenze in banda 700 MHz) la cui attuazione inizierà nel 2020 per terminare nel 2022, apro la discussione in oggetto.

In questi giorni ho studiato con minuziosa attenzione la prima bozza emanata dall'AGCOM all'inizio di questo mese, scoprendo alcune cose interessanti non ufficialmente dichiarate.

A cominciare dal fatto che gli operatori locali non saranno solo 4 per area tecnica, ma almeno in Sardegna ci sarà spazio per tutti gli attuali operatori di rete (titolari di diritti d'uso di una frequenza, ndr, da non confondere con fornitori di contenuto); ma solo in una fase sucessiva, dopo l'accoglimento dei numerosi ricorsi e perizie che non mancheranno, e con un razionale e attento uso anche di frequenze non coordinate con gli stati esteri.

Sulla base di ciò, che per forza di cose sarà inevitabile, ho persino studiato quali potrebbero essere le ipotetiche assegnazioni delle frequenze utilizzabili in Sardegna (coordinate, parzialmente assegnate a mux nazionali, e non coordinate) ai relativi operatori di rete dell'Isola.

Fatta questa beneaugurante e (quasi) rassicurante premessa... Domande? Commenti? Considerazioni?
Ora la palla passa a voi.

Inviato il :26/4 12:56
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#2
Studente
Studente


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
14/1/2007 16:07
Ultimo accesso:
30/7 13:57
Da Ales
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 132
Non In Linea
Citazione:

mivar_63 ha scritto:
... ho persino studiato quali potrebbero essere le ipotetiche assegnazioni delle frequenze utilizzabili in Sardegna (coordinate, parzialmente assegnate a mux nazionali, e non coordinate) ai relativi operatori di rete dell'Isola. ...

Sono curioso. Qual'è lo scenario che prevedi?

Inviato il :26/4 13:12
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#3
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Citazione:

eds ha scritto:
Citazione:

mivar_63 ha scritto:
... ho persino studiato quali potrebbero essere le ipotetiche assegnazioni delle frequenze utilizzabili in Sardegna (coordinate, parzialmente assegnate a mux nazionali, e non coordinate) ai relativi operatori di rete dell'Isola. ...

Sono curioso. Qual'è lo scenario che prevedi?

Fra un'oretta e mezzo rientro da lavoro e lo scrivo.

Inviato il :26/4 13:25
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#4
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Citazione:

eds ha scritto:
Citazione:

mivar_63 ha scritto:
... ho persino studiato quali potrebbero essere le ipotetiche assegnazioni delle frequenze utilizzabili in Sardegna (coordinate, parzialmente assegnate a mux nazionali, e non coordinate) ai relativi operatori di rete dell'Isola. ...

Sono curioso. Qual'è lo scenario che prevedi?

Eccomi, allora, occorre prima di tutto - in sintesi - descrivere ciò che la prima bozza del Piano prevede riguardi la Sardegna.

Il primissimo passaggio riguarda il 2020: termine perentorio per liberare - almeno nelle aree tecniche o in parte di esse confinanti con l'estero - la banda dei 700 MHz dagli operatori tv. In Sardegna

UHF 49 Rai (mux 2)
UHF 50 Mediaset1
UHF 52 Mediaset4
UHF 55 TIMB2
UHF 56 TIMB1
UHF 57 BeS
UHF 59 CAIRO DUE

dovranno cambiare frequenza, come detto - in questa fase pre switch-off II - ALMENO nelle province di Sassari e di Oristano.

prevedibile, in quanto frequenza già libera per decadenza della concessione (StartUp, ndr)

UHF 33 CAIRO DUE

peraltro assegnazione definitiva, come da PNAF. Per gli altri 6 operatori citati sopra, lo scenario è ancor più incerto, considerando numerose varianti (garantire la continuità di servizio, quali e auqnti operatori cesseranno l'attività, quali con più mux cederanno in anticipo uno o più diritti d'uso allo Stato, quali e quante frequenze provvisorie saranno allora disponibili, ecc...) cui tenere conto in merito alla loro collocazione su frequenze provvisorie in attesa del 2021-22 quando avverranno le riassegnazioni definitive.

Si arriva al 2022 (o 2021, stiamo parlando della prima bozza del nuovo Piano; a Maggio ne uscirà un'altra, le date dei passaggi (e le frequenze) potranno cambiare e per questo non mi soffermo più di tanto su anni, mesi e giorni) quando si entra nel vivo delle riassegnazioni. Queste, secondo il PNAF, relative agli 11 operatori nazionali in Sardegna:

VHF D RAI (mux 1 Sardegna) (per le province di Oristano e Sassari)
VHF E7 RAI (mux 1 Sardegna) (per la provincia di Nuoro)
VHF E9 RAI (mux 1 Sardegna) (per le province di Cagliari, Carbonia-Iglesias, e Villacidro-Sanluri)
UHF 26 Rai (mux 2)
UHF 30 RAI (mux 3)
UHF 40 Mediaset1 (ovviamente coi contenuti dell'ex Mediaset4)
UHF 36 Mediaset2
UHF 29 Mediaset3 (per le province di Cagliari, Carbonia-Iglesias e Villacidro-Sanluri)
UHF 38 Mediaset3 (per le province di Oristano, Nuoro e Sassari)
UHF 46 TIMB1
UHF 47 TIMB2
UHF 42 TIMB3
UHF 21 CAIRO DUE (per le province di Cagliari, Carbonia-Iglesias e Villacidro-Sanluri)
UHF 33 CAIRO DUE (per le province di Oristano, Nuoro e Sassari)
UHF 32 DFree/BeS/E7/altri (ma molto probabilmente DFree: a Berlusconi farà comodo gestire un quinto mux)

Dunque, come avevo già previsto da tempo, non più di 3 mux a operatore nazionale.

Sarebbe prevista una parziale presenza del mux 1 RAI anche su canali UHF, ma in Sardegna - dove storicamente la prima rete RAI è stata diffusa quasi esclusivamente in VHF (eccetto p.e. Carbonia Monte Leone, Nuoro Via Verdi, Golfo Aranci, Bonorva, ecc...) - dubito che ciò avvenga: sarebbe un controsenso.

Nel prossimo post, risponderò in modo diretto alla tua domanda.

Allega file:


Link solo per utenti registrati
Link solo per utenti registrati
Link solo per utenti registrati

Inviato il :26/4 15:08
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#5
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Citazione:

eds ha scritto:
Citazione:

mivar_63 ha scritto:
... ho persino studiato quali potrebbero essere le ipotetiche assegnazioni delle frequenze utilizzabili in Sardegna (coordinate, parzialmente assegnate a mux nazionali, e non coordinate) ai relativi operatori di rete dell'Isola. ...

Sono curioso. Qual'è lo scenario che prevedi?

Dopo aver descritto cosa dice il PNAF riguardo gli operatori nazionali in Sardegna, cercherò adesso di rispondere alla tua domanca: quale scenario prevedo e auspico.

Anche qui, occorre fare alcune precisazioni.

Nel primo allegato del post precedente, fonte di quanto ho affermato in precedenza, vi sono anche le mappe riguardanti i canali VHE e UHF coordinati con i paesi esteri confinanti, dunque utilizzabili in Italia senza limitazioni di irradiazione verso quest'ultimi.

Sulla base di questi accordi con alcuni dei paesi confinanti (L'Italia non ha ancora stretto accordi con Tunisia e Algeria...), le frequenze utilizzabili dall'Italia coordinate (ovvero senza limitazioni di irradiazione nei relativi bacini di utenza) sono ridotte. Per la Sardegna, la prima bozza del nuovo PNAF, dice:

UHF 23 mux Locale 1 (per le province di Oristano, Nuoro, Sassari)
UHF 24 mux Locale 1 (per le province di Cagliari, Carbonia-Iglesias, Villacidro-Sanluri)
UHF 27 mux Locale 2 (per le province di Oristano, Nuoro, Sassari)
UHF 39 mux Locale 2 (per le province di Cagliari, Carbonia-Iglesias, Villacidro-Sanluri)
UHF 41 mux Locale 3 (per le province di Oristano, Nuoro, Sassari)
UHF 31 mux Locale 3 (per le province di Cagliari, Carbonia-Iglesias, Villacidro-Sanluri)
UHF 43 mux Locale 4

Dunque, solo 4 mux in Sardegna (e, con frequenze ovviamente diverse, nelle altre aree tecniche della Penisola). Ciò renderebbe obbligatorio, per chi non rientrerà nei primi 4 posti della futura graduatoria, diventare semplice fornitore di contenuti, costretto a farsi veicolare (a costi elevati) da Videolina, Sardegna Tv, e chissà chi altri. Con le altre frequenze, seppur libere, non assegnabili.

Non assegnabili. Questo dice il PNAF. Ma in realtà assegnabili sotto certe condizioni, come dimostreranno gli eventuali ricorsi dei operatori sotto la quarta posizione della futura graduatoria, nonchè le perizie tecniche volte a dimostrare la giusta tesi in questo senso, che - in una seconda fase - porteranno gli operatori locali per ciascun area tecnica a più di 4.
E nel caso della Sardegna, come ho studiato accuratamente, cè spazio per tutti gli attuali operatori locali.

Partiamo però da quanto dice il PNAF. Sette frequenze diverse per 4 possibili operatori locali.

In realtà è uno spreco, un bluff. Alcune sono - tenetevi forti - regolarmente utilizzabili ANCHE in tutta l'isola, ma con alcune limitazioni che - tuttavia - non penalizzerebbero gli operatori che eventualmente dovrebbero usarle. O, peggio, alcune non dovrebbero essere usate in province dove il PNAF le rende assegnabili.

Cominciamo dall'UHF 23, che il PNAF limita, giustamente, alle sole province settentrionali.
In realtà - a differenza di quanto prescritto - può essere utilizzato anche nel Sulcis (ma non nell'Iglesiente!) e NON dovrebbe essere usato nella provincia di Oristano.
Perchè? Semplice. Tale frequenza è stata assegnata a Malta ed è usata in Tunisia (da qui il mancato uso nella provincia di Cagliari), ma essendo usata anche a Marsiglia per il mux 1 francese un eventuale uso a Badde Urbara interferirebbe l'emissione francese.

L'UHF 24, che il PNAF limita alle 3 province meridionali dell'Isola, è in realtà utilizzabile anche in Provincia di Oristano (non irradiando, da Badde Urbara, verso Sassari e la Corsica) e Nuoro, mentre in provincia di Sassari sarebbe utilizzabile solamente da Limbara (con i nulli verso Sassari e Corsica) e postazioni a sud-est di quest'ultima (come p.e. S.Teodoro e Budoni) per non interferire il mux 7 in Corsica.

L'UHF 27, che il PNAF limita alle province di Oristano, Nuoro e Sassari, è in realtà utilizzabile in tutta la Sardegna (!), con nullo da Serpeddì in direzione Sicilia per non interferire col mux 2 Rai (da loro assegnato, secondo il nuovo PNAF, sull'UHF 27).

L'UHF 39, che il PNAF limita alle 3 province meridionali dell'Isola, stesso discorso: utilizzabile in tutta l'Isola, ma stavolta le limitazioni riguarderebbero oltre Serpeddì (nullo verso Malta, dunque al settore 130°) anche Badde Urbara e Limbara (entrambe non devono irradiare verso la Costa Azzurra, Nizza ndr).

L'UHF 41, che il PNAF limita alle sole province di Oristano, Nuoro e Sassari, può ANCHE essere usato nel Sulcis (ma non nell'Iglesiente!) ma l'uso nella provincia di Oristano inferferirebbe con il mux 7 francese da Marsiglia.

L'UHF 31, che il PNAF limita alle 3 province meridionali dell'Isola, è di sicuro la frequenza peggiore delle sette previste: in realtà, con l'eccezione del Sulcis (ma non dell'Iglesiente!) non può essere utilizzato nelle tre province meridionali (CA, CI, VS) in quanto interferirebbe con Malta, ma può essere usato (senza limitazioni) in provincia di Nuoro e (con i nulli verso Sassari e Corsica) Limbara più postazioni a sud-est di quest'ultima (come p.e. S.Teodoro e Budoni) per non interferire il mux 6 in Corsica.

Infine, l'UHF 43, che il PNAF indica come utilizzabile in tutta la Sardegna. In realtà, con l'eccezione del Sulcis (usabile, ma non dall'Iglesiente!), può essere utilizzato solamente nelle province di Nuoro e Sassari, in quanto se usato dalle postazioni nell province di Oristano interferirebbe il mux 3 francese da Montpellier, e se usato dalle grandi postazioni situate nelle tre province meridionali dell'Isola interferirebbe con Malta.

Dunque, queste le reali possibilità di utilizzo delle sole frequenze, PNAF alla mano, assegnate all'area tecnica 17, ovvero la Sardegna.
Due praticamente in SFN regionale, gli UHF 27 e 39; Due - UHF 23 e 24 - componibili per un terzo mux locale. Mentre 31, 41 e 43 praticamente dei mozziconi da usare solo in alcune province.
Chi vogliono prendere in giro?

E qui salta tutto, il PNAF esce di scena. Quali sono le altre frequenze (non coordinate con gli stati esteri, o parzialmente assegnate a operatori nazionali) realmente utilizzabili in Sardegna per gli operatori locali?
Tralasciamo le frequenze VHF (eh sì, ci sarebbero anche loro... ma ne parlamo in seguito), rimanendo sempre in UHF:

UHF 21 (CAIRO DUE a CA, CI, e VS) - Utilizzabile anche nelle province di Oristano e Nuoro, a patto di non irradiare verso le province meridionali dell'Isola. In provincia di Sassari, usabile (con i nulli verso il comune di Sassari e la Corsica) Limbara più postazioni a sud-est di quest'ultima (come p.e. S.Teodoro e Budoni) per non interferire il mux 1 in Corsica.

UHF 22 e 25 - Utilizzabili in tutta la Sardegna, ma Serpeddì non deve irradiare verso Malta, e Badde Urbara e Limbara non devono irradiare verso la Costa Azzurra.

UHF 28 e 45 - Usate in Tunisia, Malta e Costa Azzurra (Nizza, ndr), in Sardegna possono essere usate solamente nel Sulcis (ma non dall'Iglesiente!), nella provincia di Nuoro, da Badde Urbara (ma non può irradiare verso Cagliari e Nizza) e da Limbara (ma non può irradiare verso la Costa Azzurra).

UHF 29 (Mediaset3 a CA, CI, e VS) - Utilizzabile anche nelle province di Oristano e Nuoro, a patto di non irradiare verso le province meridionali dell'Isola. In provincia di Sassari, usabile senza alcuna limitazione.

UHF 33 (CAIRO DUE a OR, NU, e SS) - Utilizzabile anche nelle province di Cagliari (ma non può irradiare verso Malta), Carbonia-Iglesias e Villacidro-Sanluri, a patto di non irradiare verso le province di Oristano e Nuoro.

UHF 34 e 37 - Utilizzabili in tutta l'Isola tranne che la parte Ovest della provincia di Sassari (che comprende ovviamente il capoluogo) per non interferire i mux 3 e 2 dalla Corsica. Badde Urbara e Limbara non possono irradiare, ovviamente, verso Sassari e la Corsica.

UHF 35 - Usato a Marsiglia e Malta, dunque in Sardegna è utilizzabile solamente nel Sulcis (ma non dall'Iglesiente!) e nelle province di Nuoro e Sassari.

UHF 38 (Mediaset3 a OR, NU, e SS) - Utilizzabile anche nelle province di Cagliari (ma non può irradiare verso Malta), Carbonia-Iglesias e Villacidro-Sanluri, a patto di non irradiare verso le province di Oristano e Nuoro.

UHF 44 - Frequenza utilizzabile in tutta la Sardegna, eccetto la parte Ovest della provincia di Sassari (che comprende ovviamente il capoluogo) per non interferire il mux 4 dalla Corsica. Badde Urbara e Limbara non possono irradiare, ovviamente, verso Sassari e la Corsica. Serpeddì invece non può irradiare verso la Sicilia (dove in questa frequenza avranno, con tutta probabilità, DFree)

UHF 48 - fra alcuni mesi in uso a Montpellier, ma già usato in Costa Azzurra, dunque in Sardegna usabile solamente nel Sulcis (ma non dall'Iglesiente!) e nelle province di Nuoro e (Limbara non deve irradiare verso la Costa Azzurra) Sassari.

Come vedete, alle 7 frequenze coordinate usabili secondo il PNAF, se ne andrebbero ad aggiungere altre 13 in UHF. di cui ben tre (UHF 22, 25 e 27) regolarmente utilizzabili in SFN su tutta l'Isola (seppure con leggerissime limitazioni dalle 3 principali postazioni sarde) senza ricorrere ai rattoppi di altre frequenze (in questo caso, si tratterebbe di k-SFN, ovvero una principale più un'altra limitatamente ad alcune province).

Forti di questi riscontri, a suon di ricorsi e perizie, la graduatoria vedrete non si limiterà a soli 4 operatori di rete locali per la Sardegna: lo spazio per tutti gli attori in campo c'è.

Infine, rispondendo una volta per tutte alla tua domanda, e alla luce di quanto verificato sopra: quale scenario prevedo?

Eccolo:

UHF 25 Videolina (SRP non verso Malta, PBU e LMB non verso Nizza)
UHF 39 Sardegna Tv (SRP non verso Malta, PBU e LMB non verso Nizza)
UHF 22 TCS (SRP non verso Malta, PBU e LMB non verso Nizza)
UHF 27 TELESARDEGNA (SRP non verso la Sicilia)
UHF 34 Tesar (tutta l'Isola eccetto la provincia di Sassari. PBU non verso Sassari e Corsica)
UHF 35 Tesar (per la sola provincia di Sassari)
UHF 24 GalluraChannel (tutta l'Isola eccetto la provincia di Sassari. PBU non verso Sassari e Corsica)
UHF 23 GalluraChannel (per la sola provincia di Sassari. Limbara non verso il Principato di Monaco)
UHF 37 VIDEOLINA2 (Serpeddì, Capoterra, Arbus, Nuoro. Badde Urbara non verso Sassari e Corsica)
UHF 44 TCS Mux2 (Serpeddì, Capoterra, Limbara non verso Sassari e Corsica. Ma dubito che resusciti dopo 3 anni)
UHF 48 TCS Mux2 (Sassari. Ma dubito resusciti dopo 3 anni)
UHF 48 alguer tv (ma è inattiva tutt'oggi che avrebbe l'UHF 24. Per cui...)
UHF 44 Canale 40 (Iglesias, S.Antioco, Nuxis, Carbonia)
UHF 41 TELE OLBIA (Limbara)
UHF 33/38 TELEMARISTELLA (Carloforte. Dunque, non interferisce CAIRO DUE o Mediaset3 nelle province di OR, NU, o SS.
UHF 28/43/45 telegì (Sassari)
UHF 28/43/45 antenna 1 (Sassari)
UHF 28/43/45 catalan tv (Alghero)
UHF 33/38 CANALE ITALIA 1 (per le sole province di CA, CI, e VS; non possono irradiare verso Malta, OR e NU)
UHF 21/29 CANALE ITALIA 1 (per le sole province di OR, NU e SS tranne Alghero e Monte Oro. 21 Limbara non verso SS e Corsica)
UHF 41/29 CANALE ITALIA 1 (solo per Sassari e Alghero)
UHF 38/33 CANALE ITALIA 2 (per le sole province di CA, CI, e VS; non possono irradiare verso Malta, OR e NU)
UHF 29/21 CANALE ITALIA 2 (per le sole province di OR, NU e SS tranne Alghero e Monte Oro. 21 Limbara non verso SS e Corsica)
UHF 29/41 CANALE ITALIA 2 (solo per Sassari e Alghero)

Questa sarebbe la soluzione migliore, in virtù delle frequenze REALMENTE utilizzabili in Sardegna, senza interferire gli stati esteri radioelettricamente confinanti e i mux nazionali eventualmente attivi in Sicilia e in alcune province sarde.

Ecco i link, come anticipato, dei documenti relativi agli accordi con alcuni stati esteri:

Spagna:
https://www.sviluppoeconomico.gov.it/i ... Italy_21092017_Colori.pdf

Francia:
https://www.sviluppoeconomico.gov.it/i ... /Tyrrhenian_agreement.pdf

Malta:
https://www.sviluppoeconomico.gov.it/i ... Malta-Italy_Agreement.pdf

Inviato il :26/4 17:24
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#6
Studente
Studente


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
14/1/2007 16:07
Ultimo accesso:
30/7 13:57
Da Ales
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 132
Non In Linea
Ok. Due domande.
Se Dfree trasmetterà sul 32, quale frequenza sarà assegnata a BeS e La3?
Credi che Videolina e TCS continueranno ad avere due mux?

Inviato il :1/5 11:10
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#7
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Citazione:

eds ha scritto:
Ok. Due domande.
Se Dfree trasmetterà sul 32, quale frequenza sarà assegnata a BeS e La3?
Credi che Videolina e TCS continueranno ad avere due mux?

La3 con tutta probabilità - non essendo interessata al settore televisione - cesserà le attività di operatore di rete, e restituirà il diritto d'uso allo Stato.

BeS al contrario ha tutta l'intenzione di proseguire l'attività di operatore di rete, ma rispetto a DFree, in un'ipotetica graduatoria per l'assegnazione dell'ultimo diritto d'uso nazionale, avrebbe e ha troppe voci su cui soccomberebbe. Al contrario di CANALE ITALIA, vera outsider di DFree, la cui inevitabile presenza in tale ipotetica graduatoria mi preoccupa.
Su E7 (Europa 7, ndr) ci sarebbe da fare una precisazione a parte... la farò nel prossimo post.

Per quanto riguarda Videolina e TCS, dubito mantengano il secondo mux, nonostante ho dimostrato che a livello di utilizzabilità delle frequenze in realtà c'è lo spazio per tutti gli attuali operatori di rete locali.

Inviato il :1/5 13:07
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#8
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
4/4/2008 12:10
Ultimo accesso:
Oggi alle 10:04
Da san gavino monreale
gruppi
Utenti registrati
Messaggi: 2632
Non In Linea
Altre 2 ciriosita: perche ti preoccupa canale italia?
E 7gold avra carte da giocare qui in sardegna?? Un po come avviene per es, in sicilia?

Inviato il :1/5 17:24
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#9
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Citazione:

satellite ha scritto:
Altre 2 ciriosita: perche ti preoccupa canale italia?
E 7gold avra carte da giocare qui in sardegna?? Un po come avviene per es, in sicilia?

CANALE ITALIA, coi suoi due mux, potrebbe ritrovarsi ad avere alcuni parametri tali da aver diritto - tanto quanto DFree - all'undicesimo (ufficialmente) mux nazionale.
Dunque, da mux interregionale potrebbe trovarsi ad aver diritto - al posto di DFree - all'ultimo (ufficialmente) diritto d'uso nazionale disponibile secondo il PNAF.
Ma la connivenza Berlusconi - Ben Ammar - politica (che nei fatti gestisce l'AGCOM) temo farà sì che il Regime (a meno che fra un mese, alle urne, Di Maio e Salvini senza San Silvio trionfino e facciano pace, cosa che spero vivamente) assegni tale ultimo diritto d'uso nazionale proprio a DFree: e a Mediaset si batteranno pur di tenerselo ben stretto.

Capitolo 7 Gold: da ormai 5 mesi loro sono in trattativa per entrare dalla porta principale di un mux a copertura regionale. Ovviamente hanno il tempo contato, prima che il PNAF passi alle bozze successive (assegnazioni dei diritti d'uso locali, ndr) e diventi praticamente impossibile - da graduatoria - ottenere il diritto d'uso stando ancora a quanto dice il PNAF con quei fin troppo risicati 4 posti per area tecnica.

Ma vedrete che, prima o dopo la compilazione della graduatoria, coi ricorsi alla magistratura e le perizie tecniche sarà inevitabile superare i 4 mux, vedrete.

I fatti - la reale disponibilità di frequenze e le loro reali possibilità d'utilizzo - mi DEVONO dare ragione: è logica.

Inviato il :1/5 19:22
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto


Re: nuovo Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze.
#10
Nobel
Nobel


_MD_NEWBB_HIDEUSERDATA
Utente dal:
23/10/2007 22:43
Ultimo accesso:
Oggi alle 3:46
Da Cagliari.
gruppi
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi: 2456
Non In Linea
Capitolo E7 (Europa 7, ndr).

E7 - così veniva chiamata Europa 7 sul parametro Network Name del mux fino a qualche anno fa - potrebbe rientrare in due modi ad avere l'ufficialmente ultimo diritto d'uso nazionale:

- tramite la graduatoria, in cui se la vedrebbe con DFree, BeS, CANALE ITALIA, e/o altri.
- tramite ricorso, qualora vada male la graduatoria, ottenere il VHF E8 (ove non assegnato al mux 1 RAI) più altre risorse in VHF o in UHF atte a completare la copertura.

Già, il VHF E8. Peccato che alla pagina 23 della prima bozza del nuovo PNAF - che ho pubblicato per intero alcuni giorni fa - risulta essere una risorsa coordinata GE-06 solo in una limitata parte dell'Italia.
L'attiguo VHF E7 è coordinato in porzioni di territorio non coincidenti col VHF E8, ma come detto in precedenza sarebbe utilizzabile - a parte le aree ove coordinato - solo dove non è assegnato al mux 1 RAI.
Qui le due possibilità (al lordo dell'uso per il mux 1 RAI) d'uso sovrapposte dei VHF E7 ed E8:

Allega file:



png  Risorse coordinate GE-06 VHF E7 E8.png (86.67 KB)
317_5ae8a8b00a5ca.png 500X647 px

Inviato il :1/5 19:49
Il DAB sulla banda III VHF è un cancro da estirpare al più presto.
Twitter Facebook Google Plus LinkedIn Del.icio.us Digg Reddit Mr. Wong Segnala In alto







Puoi vedere le discussioni.
Non puoi iniziare una nuova discussione.
Non puoi rispondere ai messaggi.
Non puoi modificare i tuoi messaggi.
Non puoi cancellare i tuoi messaggi.
Non puoi aggiungere nuovi sondaggi.
Non puoi votare nei sondaggi.
Non puoi allegare file ai messaggi.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.
Non puoi utilizzare tipo di discussione.
Non puoi utilizzare la sintassi HTML.
Non puoi utilizzare la firma.
Non puoi creare pdf.
Non puoi stampare la pagina.

Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 482
Ultimo: GisellaDessi

Utenti online:
visitatori : 15
registrati : 0
Bots : 1
Totale: 16

Lista online [Popup]