Sei sulla pagina » Home Page » Forum

SardegnaHertz

Annunci

Annunci

messaggio di report*
Codice di verifica*
 

Re: Radio: quali scenari futuri?

Elemento: Re: Radio: quali scenari futuri?
BY cristian su 3/10/2017 14:49:24

Chiedete a qualsiasi negoziante, quanti clienti tra coloro che comprano gli smartphone chiedono se è dotato di Radio fm? La risposta sarà Zero (o quasi). In questo frangente in Usa ci si è ricordati della radio, ma solo quale strumento di emergenza.
Se escludiamo noi appassionati, addetti del settore e parenti vari, fuori vi è un mondo di persone che raramente ascoltano la radio. Può sembrare un discorso assurdo ma purtroppo è la realtà.

Inutile che i sondaggi, i vari rilevamenti pagati dalle emittenti stesse, vogliano farci credere il contrario. Dispiace ammetterlo ma purtroppo la realtà è questa. Trovare persone che saltuariamente ascoltano in auto la radio è ancora facile, ma il discorso si complica quando si cerca una persona che è sintonizzata di proposito per ascoltare ad una determinata ora il programma o la musica preferita. Già il solo pensare che ci siano milioni di persone che in radio hanno un programma preferito è utopia.

Recentemente più di un amico, non iscritto a Sardegnahertz, e non facente parte del mondo radiofonico, mi ha chiesto un consiglio per l’acquisto di una nuova autoradio. Al mio consiglio sull’acquisto di un apparecchio che abbia anche il DAB+ o con una buona sensibilità di ricezione in fm la risposta è stata sempre la stessa: “a me interessa abbia la usb poi della radio non me ne frega nulla”.
Quindi mi son chiesto, sarò io sfigato? No, purtroppo questo articolo conferma le mie opinioni http://www.newslinet.com/radio-medium ... nni-sordi-ai-cambiamenti/

Penso che la situazione italiana sia addirittura peggiore da quanto emerge in quelle righe. E non credo che la colpa sia semplicemente degli editori. Il mezzo in se non è più in grado di attirare le masse che preferiscono invece utilizzare piattaforme di altro tipo (Youtube, Spotify, i vari social). La crisi infatti non è solo della radio, ma anche della tv http://www.ilsole24ore.com/art/impres ... 44438.shtml?uuid=ACeYxpxC con crolli di ascolti anche nelle prime serate, che i giovani o meno giovani trascorrono ora sui social non davanti al televisore.
Se stiamo qui ancora a parlare di radio e tv è solo grazie al fatto che sport e informazione sono ancora molto seguiti su queste piattaforme e soprattutto non dimentichiamo che l’Italia è comunque un paese di anziani poco avvezzi alle nuove tecnologie.
E poi per fortuna, anche se in minoranza, ci siamo anche noi, che vogliamo la radio anche sull'Iphone.

Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 1003
Ultimo: raffles

Utenti online:
visitatori : 8
registrati : 0
Bots : 2
Totale: 10

Lista online [Popup]