Sei sulla pagina » Home Page » Articoli » Notizie frequenze programmi e informazioni sulle stazioni radio e tv della Sardegna

SardegnaHertz

Annunci

« 1 ... 4 5 6 (7) 8 9 10 ... 119 »
Dahlia e rimborsi per gli abbonati
Inviato da cristian il 7/3/2011 5:40:00

dahliaAntitrust e movimenti dei consumatori si muovono contro Dahlia Tv per presunto comportamento scorretto per le mancate indicazioni attraverso le quali ottenere il rimborso per quanto già pagato dagli abbonati.


Adoc, Adiconsum, Casa del consumatore e altre associazioni hanno inoltre predisposto dei moduli da compilare e consigliato alcune procedure da seguire per tentare di chiedere un rimborso. Il modulo proposto da Adoc è scaricabile su questo link: http://www.adoc.org/data/documents/diffida_Tv_Dahlia.doc

Oltre a questo ovviamente è necessario sospendere gli addebiti bancari o richiedere l’importo di quanto presente sulla tessera.
La realtà è comunque tutt’altro che rosea. Essendo la società in liquidazione difficilmente si riuscirà realmente ad ottenere un rimborso ed i tempi si prospettano piuttosto lunghi.

Per altre info si rimanda al sito: http://www.adoc.org/

  0  
Crisi emittenza tv, istituito Tavolo tecnico regionale
Inviato da cristian il 7/3/2011 4:50:00
Televisione

fonte:regione.sardegna.it

CAGLIARI, 3 MARZO 2011 - La Regione Sardegna ha istituito formalmente il tavolo di crisi del comparto dell'emittenza televisiva regionale per contenere, e in prospettiva superare, l'attuale condizione di difficoltà delle aziende del settore. All’organismo, promosso dalla Regione, compete l’individuazione e la definizione di un programma organico e condiviso di interventi che garantiscano sia il mantenimento dei livelli occupazionali che la salvaguardia del pluralismo dell’informazione. 

All’incontro, convocato nel pomeriggio dall’assessore del Lavoro Franco Manca, delegato dal presidente Ugo Cappellacci per dare piena attuazione alla delibera della Giunta del 22 febbraio scorso, hanno partecipato le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, l’associazione della stampa sarda, il Corerat Sardegna, la Federazione Radio Televisioni , l’associazione Aeranti Corallo e gli amministratori delle tv private regionali. “Il presidente Cappellacci e la Giunta regionale – ha puntualizzato l’assessore Manca – sono impegnati nella ricerca di soluzioni idonee a fronteggiare una crisi sia congiunturale che strutturale, compatibilmente con le risorse e gli strumenti a disposizione. Guardiamo in particolare a un sistema di interventi non solo finanziari, con l’eventuale concessione di ammortizzatori sociali, anche in deroga, ma di tipo formativo, coordinati e interconnessi per consentire una maggiore efficacia nel contrastare le criticità e nell’offrire prospettive di risanamento alle aziende per continuare a tutelare l’occupazione". 

  0  
Arriva Radio Studio 2000 Vintage
Inviato da cristian il 6/3/2011 12:00:59

Novità per gli amanti della radio e dei brani che hanno fatto la storia della musica.

E' attiva infatti da ieri sulla frequenza di 94.400 MHz, Radio Studio 2000 Vintage.
Il segnale è ricevibile senza difficoltà in buona parte dell'oristanese. 

L'emittente si distingue dalla sorella maggiore, per una selezione musicale dedicata ai successi degli anni 60-70-80. Oltre a questo trovano spazio i notiziari e la programmazione più importante di Studio 2000.

 

 

  0  
Chiude Dahlia Tv
Inviato da cristian il 25/2/2011 20:29:48

dahlia"Dahlia TV ed il suo team sono spiacenti di comunicare che, nonostante tutto l’impegno profuso in questi mesi per offrire il miglior servizio e ricambiare la fiducia accordata dai propri Clienti, si trovano costretti ad interrompere le trasmissioni." "Ringraziamo e ci scusiamo con tutti i Clienti e gli appassionati che ci hanno scelto e ci hanno seguito fino ad oggi."

Con questo comunicato sono terminate oggi, definitivamente, le trasmissioni di Dahlia Tv.

A far saltare tutto, questa volta è stata Ti Media. L'ultima idea per il salvataggio, quella di un concordato e la creazione di una newco aveva infatti trovato d'accordo i soci svedesi e le squadre di calcio ma era stata bocciato da Telecom. Il piano prevedeva tra l'altro una riduzione di affitto del canone per la banda del digitale terrestre che costava alla pay tv circa 30 milioni l'anno.

Restano senza lavoro circa 150 giovani, restano senza il servizio circa 600.000 abbonati e resta senza sponsor la squadra del Cagliari calcio.

  0  
pericolo elettrosmog e irregolarità sul Limbara
Inviato da cristian il 12/2/2011 9:43:52

limbaraNel 2009  il comune di Tempio aveva proposto per il Limbara l'installazione di due soli tralicci e richiesto da parte dell'Arpas una verifica di impatto ambientale per conoscere l'inquinamento elettromagnetico presente nel luogo.

Da subito veniva rilevato come molti impianti fossero abusivi in quanto sfuggivano al pagamento del canone d'affitto. Era solo l'inizio di una complessa vicenda.


Ieri infatti La Nuova Sardegna è tornata sull'argomento, perché nel frattempo  secondo quanto riporta il quotidiano le carte sono passate alla magistratura:
TEMPIO. Lo switch off alle oltre novanta emittenti «fantasma» che trasmettono programmi radio, segnali video e telefonia cellulare dalla selva di antenne selvagge su dieci tralicci sistemati sul monte Limbara potrebbe deciderlo, nelle prossime settimane, la procura della Repubblica di Tempio. L’inchiesta portata avanti dagli agenti della polizia municipale di Tempio e dai colleghi della polizia giudiziaria ha fornito al magistrato inquirente risultati sorprendentemente inquietanti: l’abusivismo, nell’etere, impera sovrano. E dire che tutto era nato dalla richiesta di accertamento predisposta dall’amministrazione comunale di Tempio sulle licenze rilasciate ai titolari di tralicci posizionati a punta Balisteri, sulla sommità del monte gallurese. Fatte salve le tre antenne ufficiali (Rai, Mediaset e Telecom Italia) per le quali il canone viene regolarmente versato all’amministrazione comunale, sulle altre sette postazioni il lavoro degli investigatori è stato arduo ed è ancora lontano dall’essere completato. L’Arpas, l’ente regionale che sovrintende all’inquinamento ambientale e aereo, ha scritto in un rapporto inoltrato alla magistratura che nell’area del monte Limbara l’elettrosmog è alle stelle, e non poteva essere altrimenti, mentre l’intero ecosistema è a rischio a causa delle tantissime antenne abbattute dall’inclemenza del tempo e lasciate a macerare sul terreno, con evidenti irregolarità penali e amministrative. Ma scavando tra gli incartamenti depositati nell’ufficio tecnico comunale tempiese e nella documentazione regionale è saltato fuori un ulteriore inghippo penale. I sette titolari di concessione comunale e regionale che da oltre vent’anni hanno posizionato i loro tralicci sul Limbara non sono in regola con i contratti, e hanno omesso di segnalare, per l’indispensabile nulla osta, il subaffitto degli spazi a emittenti televisive, radio private e aziende di telefonia mobile, quelle che assicurano i collegamenti tra cellulari.

  0  
« 1 ... 4 5 6 (7) 8 9 10 ... 119 »



Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 1003
Ultimo: raffles

Utenti online:
visitatori : 12
registrati : 0
Bots : 1
Totale: 13

Lista online [Popup]