Sei sulla pagina » Home Page » Articoli » Notizie frequenze programmi e informazioni sulle stazioni radio e tv della Sardegna

SardegnaHertz

Annunci

« 1 2 (3) 4 5 6 ... 119 »
Ritorna solo in Sardegna il mux 6 Mediaset
Inviato da cristian il 14/7/2011 20:26:12
Televisione

Come avevamo anticipato, il mux 6 Mediaset è stato riattivato nella mattina del 14 luglio.

Per la Sardegna quindi sul ch 46 è possibile la visione dei seguenti canali: C5+1 - I1+1 - R4+1 - C5HD - I1HD.

  0  
Probabile rapido ritorno del mux 6 nell'isola ?
Inviato da cristian il 12/7/2011 22:03:59

asta_digitale

In seguito, alla gara per l'assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze (regolamento AGCom n.497/10/CONS) sono decadute le autorizzazioni per la sperimentazione di alcune frequenze.


Così i canali trasmessi nel mux Mediaset 6 (dove venivano trasmessi i +1, Canale 5 HD, Italia 1 HD e Boing test) sono stati sospesi.

Alcuni cartelli vengono trasmessi per informare il telespettatore sulla possibilità di ricevere Canale 5 +1 e Italia 1 +1 sul mux Mediaset 5 (CH 42 - 643 MHz)  dove sono stati trasferiti. Per  Boing è sufficiente cercare il canale in quanto era già presente su Mediaset 2 (CH 32 - 562 MHz) .


In realtà in Sardegna, probabilmente rivedremo presto l'intero mux.

Sulla nostra isola infatti il mux risulta regolare, trasmettendo infatti ricordiamo sul CH 46, ad eccezione del resto della penisola dove è presente sul CH 58.
Riteniamo quindi che per quanto ci riguarda la sospensione sia temporanea, dovuta all'interruzione  dei segnali direttamente via satellite.

Inoltre ricordiamo la chiusura del mux sperimentale TIMB4 di Telecom Italia Media con lo spostamento sul TIMB2 (CH 26 - 514 MHz) delle versioni in alta definizione di La7 e La7d.

E' consigliabile pertanto eseguire una nuova sintonia dei canali.

  0  
Italia 2 e modifiche Mediaset
Inviato da cristian il 3/7/2011 17:01:15

italia 2Periodo di novità targate sopratutto Mediaset.
Premesso che in questi casi è sempre fondamentale eseguire una nuova sintonizzazione, come sempre la diversa copertura dei mux e gli spostamenti di alcuni canali potrebbero non soddisfare tutti gli utenti.

E' il caso ad esempio di coloro che seguivano la programmazione posticipata dei canali joy +1, Mya +1, Stel +1. Non saranno più ammessi i ritardatari in poltrona, in quanto i tre canali +1, sono stati eliminati.

Il nuovo canale Mediaset Italia 2, che a giudicare della programmazione dovrebbe essere un forte concorrente di Rai 4, si trova sulla posizione LCN 35 (in precedenza occupata da For You) e viene trasmesso sul mux 1 Rete A (CH65-826MHz).
Su questa frequenza è stato quindi eliminato il canale TG Mediaset che resta invece attivo sul mux Mediaset 4.

Alcuni spostamenti riguardano Hiro che passa dal Mux1 Mediaset (CH50-706MHz) al mux 5 (CH42-643MHz), e  Steel che da DFREE (53-730MHz) si sposta al Mediaset 1 (CH50-706MHz) .

Sono stati eliminati i segnali Premium Serie B 1,2 e 3. Hanno fatto la loro comparsa i canali Premium Comedy (sul mux1) e Premium Crime (su Dfree).
Come intuibile dal nome, il primo è dedicato alla trasmissione di film comici italiani ed internazionali, mentre il secondo a gialli e telefilm polizieschi con la trasmissione di alcune esclusive per l'Italia.

Da segnalare inoltre, l'arrivo sul Timb1 (56-754MHz) dell'emittente in chiaro Canal One prodotta da Switchover Media che ha già realizzato i canali K2, Frisbee e GXT (quest'ultimo a pagamento su Sky).
Anche in questo caso si tratta di un canale che trasmette animazione ed altri programmi destinati ad un pubblico giovane.

Infine segnaliamo la chiusura della prima emittente pay tv erotica presente sul digitale. Glamour Plus ha infatti terminato le trasmissioni. Un comunicato scritto in video già da diversi giorni dava agli abbonati alcune indicazioni su come ottenere il rimborso.

 

 

  3  
Progetto @LL-IN, 5 mln per Centri di accesso pubblico
Inviato da cristian il 30/6/2011 23:19:41

fonte:www.regione.sardegna.it
CAGLIARI, 30 GIUGNO 2011 - Con un investimento di quasi 5 milioni, la Regione Sardegna realizzerà, entro l’anno, 200 centri di accesso pubblico, con l’obiettivo finale di garantire la copertura del territorio regionale con almeno una postazione informatica assistita in ogni comune dell’Isola. E’ quanto prevede il progetto @ll-in, presentato stamane a Cagliari in un convegno promosso dall’Assessorato regionale degli Affari generali, personale e riforma della Regione, con il coinvolgimento e la collaborazione dei Comuni, delle Province, delle istituzioni scolastiche, delle associazioni rappresentative e di quanti operano nel campo socio-culturale. 

"@ll-in è uno strumento di innovazione per ampliare la conoscenza, per favorire il progresso e per lo sviluppo delle nuove tecnologie che contribuiscono - ha detto l’assessore Mario Floris che, in apertura dei lavori del convegno, ha portato i saluti del presidente della Regione Ugo Cappellacci - a superare il divario digitale infrastrutturale e rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale. Internet, la rete e le sue potenzialità devono diventare accessibili a tutti i cittadini, in tutti gli strati della società, con particolare riguardo a quelle fasce di popolazione che, finora, hanno registrato le maggiori difficoltà di accesso ai servizi telematici e alle nuove tecnologie". 

I centri di accesso pubblico potranno essere ospitati in locali messi a disposizione da enti o associazioni, mentre la Regione fornirà gratuitamente gli arredi e le dotazioni informatiche (pc, stampanti, ausili per ipovedenti e diversamente abili) per navigare sul web e acquisire una competenza informatica spendibile anche nell’ottica di una qualificazione per il reinserimento lavorativo degli inoccupati, dei disoccupati e delle donne. 


  0  
Per chiudere i siti ci pensa L'AGCOM
Inviato da cristian il 27/6/2011 19:54:28

agcomL'Olanda passerà alla storia per essere il primo paese in Europa ad aver regolamentato per legge la neutralità di internet. In sostanza la connessione, il traffico internet, non potranno essere in alcun modo limitati.Certo sarà sempre possibile stipulare offerte e contratti di vario tipo, ma non sarà possibile bloccare siti internet o servizi come Skype che alcune compagnie telefoniche in Italia invece filtrano o limitano nei minuti giornalieri o mensili. 
Anche l'Italia passerà alla storia, ma come al solito, per ben altri motivi. Dal 6 luglio infatti entrano infatti ufficialmente in vigore le nuove norme, che «teoricamente» servono per bloccare o cancellare i siti internet che contengono violazioni di Copyright.

L'AGCOM diventa lo sceriffo della rete, e potrà muoversi in questo modo:
1)Un sito viene segnalato, ad esempio per Copyright. Il responsabile del sito ha da questo momento 48 ore di tempo per rimuovere i contenuti ritenuti
2)Trascorse 48 ore, se nulla viene fatto, si avvia un contraddittorio dalla durata di 5 giorni.
3)Trascorsi 5 giorni, il sito viene rimosso.E' importante sottolineare come nel caso di siti residenti in server esteri, vengano resi irraggiungibili dall'Italia.

Numerose sono le proteste da parte della rete http://sitononraggiungibile.e-policy.it/  non perché si è d'accordo sulla violazione del diritto d'autore ma per la mancanza di verifiche  in un provvedimento che va a colpire anche il semplice blog e un piccolo sito oscurandolo del tutto, anche nel caso della pubblicazione errata di una semplice immagine coperta d'autore.I blogger sono quindi avvisati, si portino anche durante le vacanze estive, il portatile ed il telefono per poter rimuovere eventuali contenuti entro 48 ore, perché l'Italia sta per diventare il primo paese al mondo dove non sarà un giudice a stabilire quello che è lecito o meno pubblicare...

  0  
« 1 2 (3) 4 5 6 ... 119 »



Annunci

Cerca frequenza

frequenza

Tv Radio

Login

Nome utente:

Password:

Ricorda



Recupero password

Registrati!

Community

Multimedia

Dati Utenti

Utenti registrati:
oggi: 0
ieri: 0
in tutto: 1003
Ultimo: raffles

Utenti online:
visitatori : 3
registrati : 2
Bots : 3
Totale: 8

Lista online [Popup]